La correttezza paga. Sei un editore scorretto? Fuori da qui!

Che zappare sia faticosissimo non lo mette in dubbio nessuno, io figlia di un operaio men che meno, ma che scrivere e compiere operazioni affini non sia una passeggiata di salute pare l’abbiano dimenticato in molti. Tutto, come spesso accade, comincia in rete, da un articolo di Chiara Beretta Mazzotta, dalle riflessioni di Federica Aceto, dai post divertentissimi e intelligentissimi di Gaja Cenciarelli su facebook, da un’idea di Luca Pantarotto di Holden & Company e dalle braccia mie e di Francesca Schipa nasce e prende vita un’idea. Voi non pagate? Fuori da qui! E chi sono i voi? Sono alcuni editori che mentre piangono per la crisi del libro da una parte, dall’altra decidono che il lavoro dei propri collaboratori sia classificabile come gentilissima elargizione spontanea, cioè gratis. Ma gratis lo decidono loro, da soli e di forza. Non lo sapevate che i traduttori compiono il loro lavoro solo toccando le pagine e recitando una formuletta magica tipo simlabin, ma in quattordici lingue? E che gli editor si limitano a osservare la pagina finché quella, vergognatasi, si rende perfettissima da sola? E i grafici? Ah, quelli sono proprio dei lavativi, che tanto fa tutto il computer. E altri, tanti altri ancora. E noi blog, siti, giornali e chiunque voglia aderire, dal libraio all’edicolante, decidiamo di prendere una posizione: se non retribuisci chi collabora con te io non voglio che i tuoi libri siano sul mio blog, e visto che nessuno ci paga, e quello che facciamo lo facciamo con e per passione siamo liberissimi di fare come ci pare. Di fare una lista no, di quello non siamo liberi, che se pure scrivi cose vere in Italia il rischio di passare un guaio resta troppo alto, ma di dirci tra noi chi e cosa combina di quello siamo liberissimi, come pure di decidere di spendere i nostri soldi per comprare libri frutto dell’impegno di editori che siano corretti. Siamo solo una goccia? Può essere, la gente spesso si affida ancora a criteri disparati per decidere cosa far arrivare nella propria libreria, però il dialetto mi supporta per esprimere il concetto che al momento mi è caro:

Ricett’ ‘o pappice vicino ‘a noce: ramm’ ‘o tiemp’ ca’ te spertoso!

(per i non partenopei: disse il tarlo alla noce, dammi il tempo che ti buco)

La foto a corredo di questo articolo, realizzata da me, Francesca e Luca sarà a diposizione di tutti quelli che vogliano lanciare un messaggio dal proprio blog.

Le cose devono cambiare e qualche volte un cambiamento può cominciare pure da un pappice.

 

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

5 commenti su “La correttezza paga. Sei un editore scorretto? Fuori da qui!”

  1. 11 luglio 2014 a 14:57 #

    Aderisco seduta stante.

  2. 18 luglio 2014 a 21:19 #

    E se pagano i collaboratori estorcendo con l’inganno soldi agli autori?

    • 18 luglio 2014 a 21:48 #

      Se intendi riferirti alle EAP per principio non le recensiamo, idem per quanto concerne le case editrici a doppio binario… se ti riferisci ancora ad altro devo dirti che siamo umane, facciamo del nostro meglio, ma i furbi corrono veloce 🙂

Trackback/Pingback

  1. #LaCorrettezzaPaga: non paghi il personale? e io non parlo del tuo libro | frottole - 9 settembre 2014

    […] di alcuni animali feroci della rete, come Luca Pantarotto di Holden&Company. Le signorine di diLetti e riLetti hanno coniato lo slogan e disegnato l’immagine da usare come tazebao sui blog. Da oggi si […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: