Sento la neve cadere di Domenico Infante

Poco tempo fa un’amica ha scritto qualcosa che riguardava le dimensioni di un libro; non sto qui a riportare tutto l’articolo, ma il succo era: non è il numero delle pagine a fare la bellezza di un libro. Ed è di un caso come questo che voglio parlarvi, un breve romanzo di grande grazia che mi si è consumato tra le dita in poche piacevoli ore di lettura.

Il destino in un nome, questa è la storia di Esilio. Un errore di trascrizione all’anagrafe e il nome di famiglia, Ersilio, si trasforma in un nome ostico e così poco adatto al bambino amato, al ragazzo sensibile che diventerà il protagonista. Amico e coetaneo del vicino di casa Gaspare, Esilio cresce felice e spensierato, non per questo ozioso: in una famiglia di contadini anche le mani dei bambini sono utili nel lavoro di una campagna che non è amante avara, ma molto pretende dall’uomo. Alla coppia di inseparabili ragazzi si aggiungerà poi Peppina, figlia rinnegata, stelo flessibile che promette un fiore da immaginare soltanto. In questa nuova generazione si annodano i fili di storie recenti ed antiche, tramandate nelle stagioni che si susseguono, lente e inarrestabili come una nevicata invernale, all’apparenza immutabili.

E invece ciò che sembra eterno, nel bene e nel male, tale non è: quando muore lo zu’ Lillo, spirito protettore dell’intera comunità ed alter ego per contrasto dell’arrogante barone, tutto sembra mutare bruscamente mentre il ventennio fascista precipita verso l’autodistruzione. Allorché Esilio scoprirà un segreto che riguarda la sua famiglia, amicizia, amore, vite intere si sgretoleranno, tramutandosi in dolore e tragedia e guerra: e il nome di Esilio si rivelerà una premonizione dolorosamente esatta.

Nell’Italia che giorno dopo giorno soffoca nel lezzo della dittatura, le Madonie sembrano lontanissime, immuni: eppure il paesino di Petralia Sottana,  un frammento sperduto di campagne e uomini di fatica, ripropone il ritratto del Paese tutto in una manciata di personaggi. Sullo sfondo di questo panorama aspro, in tanta fatica e dolore non mancano attimi di poesia delicata e purissima: la poesia del profondo equilibrio che si crea tra uomo e natura e tra uomo e uomo, quando la follia del potere non si frappone.

La narrazione, breve quanto densa, ha una voce adulta ma chiara, e usa un dialetto siciliano comprensibile, che dev’esser costato non poca fatica all’autore, napoletano trasferito a Roma. E qui, una nota personale: voglio ringraziare Domenico Infante, che ho avuto modo di incontrare poco tempo fa, per aver scritto questa storia con pennellate così nitide e pulite, prive di autocompiacimento e contorcimenti pseudointellettuali. È stato come respirare l’odore grasso della terra lavorata portato dal vento, è stato come chiudere gli occhi e sentire il rumore della neve che cade.

Sento la neve cadere, Domenico Infante - Scrittura & scritture, 2014 - 128 pagg. € 11,50

Sento la neve cadere, Domenico Infante – Scrittura & scritture, 2014 – 128 pagg. € 11,50

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. La vigna di uve nere – Livia De Stefani | diLetti e riLetti - 23 luglio 2014

    […] per la maggior parte avviene da me a lei. Infatti, appena finito di leggere il romanzo di Infante Sento la neve cadere ho aspettato trepidante di conoscere le sue impressioni, abbastanza certa di averle fatto piacere […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: