Dal post al libro, come si rinnova da solo il mercato editoriale

Nel corso del tempo il percorso per giungere alla realizzazione dell’oggetto “libro” è fortemente cambiato, giungendo persino in molti casi a snaturarsi. Allontanandosi sempre più dal modello classico, la nascita di un testo ha preso vie sempre diverse. Il nascente fenomeno del self publishing, a prescindere dai giudizi di merito, ha scavalcato ed eliminato tutta la filiera; e la vendita su piattaforme come Amazon ha, come dire, messo in contato diretto produttore e consumatore eliminando al contempo qualunque forma di controllo da parte dei cosiddetti specialisti del settore.

Al contempo si è evoluto un processo che pur sembrando nuovo in realtà vede le radici della mutazione decenni addietro: la nascita del libro “già” popolare. Negli anni ’90 ad esempio si è assistito ad un curioso, e in questo caso si può dire senza tema di smentite assai discutibile, fenomeno: i libri nati da videogiochi. Fenomeno mai arrestatosi, basti citare Splinter cell tra i più famosi e recenti. E che dire di quelli nati da film? È il caso di alcuni testi ispirati a Matrix, a Star Wars o alla saga cinematografica di Spider-man a sua volta nata da un fumetto. Spesse volte, o quasi sempre, si è difronte a semplici operazioni di marketing che, sfruttando il clamore mediatico, seguono un solco già largamente tracciato. La qualità non può che indubbiamente risentirne.

Arroccarsi tuttavia su posizioni statiche mai mettendo in discussione i capisaldi della letteratura e della cultura, senza guardare ai fenomeni nella loro interezza e complessità, limitandosi a definirli bassi o volgari, non rende un buon servigio e fa della cultura in generale qualcosa di morto invece che vitale come dovrebbe essere. E alla luce di questo bisognerebbe guardare ad una nuova tendenza, la nascita di pubblicazioni in seguito alla viralità di contenuti postati nella rete. Alcuni esempi nostrani:

  • Nel 2007 nacque un blog, Studio illegale, nel quale, sotto lo pseudonimo di Duchesne, un praticante raccontava con ironia e occhio cinico il mondo degli affari milanese e degli avvocati che lo popolano. In pochissimo tempo il blog, con 1500 contatti al giorno, divenne il luogo d’incontro di tutti quelli che non solo negli studi d’affari, ma nel mondo dei professionisti in genere, incontravano gli stessi “tipi umani”. È Marsilio nel 2009 a rendersi conto delle potenzialità dell’argomento e della penna, nonché di quelle derivanti dalla già ottenuta popolarità, del giovane autore che poi conserva per poco l’anonimato rivelandosi al mondo come Federico Baccomo e firmando quindi un primo libro, Studio illegale (omonimo del blog), ed un secondo dal titolo la Gente che sta bene. N.B.: da ambedue le pubblicazioni sono stati tratti dei film.
  • Giornalista non esordiente nel mondo della narrativa, Antonio Menna è un autore napoletano che prima di approdare al grande pubblico si è fatto le ossa. Con già alcuni romanzi all’attivo, articoli di cronaca, collaborazioni varie (che con la penna nemmeno si sopravvive quindi chi più ne ha più ne metta), alla morte di Steve Jobs Antonio si chiede cosa sarebbe accaduto se il succitato fosse nato a Napoli, e ne scrive. Il post ha un immediato successo, 90.000 letture subito, un numero poi raddoppiatosi ancora e ancora nel corso del tempo tanto da fare letteralmente il giro del mondo approdando finanche a Le Monde, solo per fare un nome. Stavolta sono diverse le case editrici che fanno a gara per accaparrarsi la penna del giovane, che pure non è che fosse ferma in precedenza. Il libro nasce alla fine con la Sperling e Kupfer, Menna pubblica anche un secondo e sta terminando di lavorare al suo terzo.
  • Nel 2009 la blogger Galatea scrive su ilnuovomondodigalatea.wordpress.com un post dal titolo Il complesso di Didone. Ma perché le donne toste perdono la testa per gli Enea? A gennaio di quest’anno il post comincia a circolare fino ad arrivare ad oggi a circa 10000 condivisioni su fb. Ed ecco che Galatea, al secolo Mariangela Galatea Vaglio, che racconta con un finissimo humour di eroi e miti antichi in chiave moderna è approdata in libreria con la Castelvecchi editore. Per inciso il suo post è da leggere assolutamente, potete trovarlo qui.

L’esperienza di questo genere, tutto sommato piuttosto recente, può essere guardata senza dubbio da due diverse prospettive. Una prima immediatamente intellegibile è quella che vede gli editori attenti ai nuovi mezzi e pronti ad accaparrarsi i cosiddetti influencer, coloro che assicurano all’uscita del libro di colui che è tutto sommato un esordiente un certo numero di lettori.

D’altro canto vi è di certo un dato positivo che non è trascurabile. La famigerata rete, i tanto discussi social, hanno premiato in ognuno dei tre casi di cui sopra l’ironia, l’intelligenza, una buona dose di cinismo e una intuizione originale .I fruitori dei mezzi di massa, tra cui è oramai fuor di dubbio rientrino i sempre bistrattati social, lungi dal seguire il modello che li vuole sempre pecore attente alla inutili futilità hanno preferito la critica sociale e lo humor femminista a sesso, gossip e notiziuole da centesima pagina.

E mentre la rete si interroga su Premio Strega, autoplagi et similia e i “responsabili della cultura” si fermano a difendere posizioni già conquistate (non si sa bene per chi e per cosa) i processi invece continuano a mutare e rinnovarsi senza aspettare necessariamente che i lavoratori del settore siano pronti, sul pezzo come si suol dire. Sarà solo il lavoro a premiare con la permanenza nel mercato editoriale questi nuovi autori. È dai tempi di Gutemberg che si grida alla morte del libro, ma a guardarsi in giro si rintraccia soprattutto un perenne rinnovamento.

Se sia un bene o un male lo scopriremo solo… leggendo.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

 

 

 

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: