Le inutili vergogne – Eduardo Savarese

PRELUDIO

Il tempo si presta volentieri a indossare i panni del becchino.
Spala terra, ogni anno una vangata, sino a che la memoria giace senza più respiro.
Le storie degli amori affaticati, compressi e claudicanti, sono poi seppellimenti privilegiati.
Una congiura tra il becchino inesorabile e gli uomini, impazienti di dimenticare, le relega lontano e le dissipa.
E tuttavia il tempo conosce inattese retromarce, le vangate di terra subiscono allora il moto inverso fino a che le storie sotterranee, senza più ossigeno e luce e parole, disseppellite ritornano.
A quel punto, non c’è più confine tra la comunità dei vivi e la comunità dei morti. I nascondimenti abissali del cuore si trasmettono di generazione in generazione, iscritti nelle aree misteriose dell’essere. Ed è allora vano illudersi del piccolo presente
tranquillizzante.

—- —- —-

La luna scandaglia il mare come un laser. Quasi piena, le sue valli disabitate sono visibili a occhio nudo.
Gli pare terribile, la solitudine della materia nell’universo.
Benedetto si alza il bavero del giubbotto. Le due del mattino.
L’umido preme sulle ossa. Stringe le palpebre nervosamente, più volte, tic degli occhi stanchi.
Sopra la materia devono esserci le anime, stipate l’una sull’altra, felici dell’assiepamento. I puri spiriti vivono forse in uno stato esattamente contrario alla sterminata solitudine silenziosa delle galassie. Incollati gli uni agli altri, in perfetta comunione. Unico corpo, unica anima. Deve essere così per gli abitanti del paradiso.
Il profilo del Vesuvio riluce sotto la luna. Benedetto si scosta dalla ringhiera. Dà le spalle all’universo.

 

Un libro intenso e che fa riflettere, uno scrittore che abbiamo avuto il piacere di conoscere  scoprendo che persona eccezionale sia. Qui la nostra lettura de Le inutili vergogne e la nostra conversazione con l’autore. La collezione Sabot/Age non smette di svelare la realtà.

Annunci

Tag:, ,

Categorie: d'Inizi

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Le parole di un anno: alcuni titoli (tra letti e riletti) del #2014 | diLetti e riLetti - 31 dicembre 2014

    […] Eduardo Savarese, Le inutili vergogne  […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: