Ovunque, proteggici – Elisa Ruotolo

Nella sua motivazione, Dacia Maraini ha scritto: “Elisa Ruotolo ha scritto con sapienza e intelligenza, imbastendo un romanzo agro ma lieve, famigliare e universale. È una scrittrice dal linguaggio complesso e poetico e per questo sostengo il suo romanzo per il Premio Strega 2014.”

Il romanzo è Ovunque, proteggici, edizioni Nottetempo; anche se non fa parte della famosa e criticata cinquina dalla quale domani uscirà il vincitore del premio, noi sosteniamo l’autrice di questo romanzo su oscurità e luce, donne leggere e saltimbanchi.

Qui di seguito un incipit che dà già voglia di leggere il resto.

 

 

Adesso

Pensavo fosse finita. A cinquant’anni suonati, quando il tempo s’è scelto una strada e la vita ha tutta l’aria di far meno rumore, il passato doveva darsi qualche scrupolo a mettere un piede avanti l’altro e rifarsi vivo. Era finita e io, per sempre fuori dalla grazia ma anche dal castigo, avrei portato innanzi ciò che restava col cuore dello scampato. Invece, quella che doveva essere una mattina come tante aveva in bocca il suo veleno. Nascosto tra le carte smistate dall’ufficio postale, raccolto in una busta bianca senza indirizzo né mittente – per altro chiusa alla meno peggio –, il passato tornava scritto su un foglio qualsiasi, e faceva il danno d’un sasso lanciato contro un vetro senza scuri mentre la casa dorme. Sul foglio, con una grafia troppo chiara per lasciarsi scoprire, qualcuno aveva scritto quella sola, semplice parola: assassino.

Era stato allora che avevo sentito i frantumi, e il silenzio sostituito dal mormorio della veglia. L’istinto fu di guardarmi le spalle. Spiare le finestre, le case di ringhiera, il fondo della strada, le macchine in sosta. Poi ripiegai la lettera in due e la tenni in tasca, la tenni per giorni passandola da un vestito all’altro: neanche per un attimo pensai di liberarmene. Avrei cominciato più avanti, a bruciarle una a una nella bocca del focolare per poi scompigliarne le ceneri, quando arrivarono le altre e il gonfiore in fondo alla tasca divenne un segno. Capivo solo adesso che tutto riprendeva da capo, come un congegno rimasto vigile perché qualcuno, di nascosto, ha continuato a ungerne le parti.

Annunci

Tag:, , , , , ,

Categorie: d'Inizi

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: