Arrivederci amore, ciao di Massimo Carlotto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In treno, durante un brutto ritorno svogliato, mi fa come sempre compagnia un libro. La copertina nera, il titolo bene evidente: Arrivederci amore, ciao. Di fronte a me una ragazza asiatica che m’ignora del tutto, accanto a lei un vecchietto dallo sguardo dolce che mi guarda e mi chiede: è una bella storia d’amore? Sorrido, dico di sì. Poche altre volte ho detto una così grande bugia.

Avevo una grossa lacuna, un vero debito verso me stessa, colmato da un regalo; la mia amica Simona ha deciso che era proprio il momento di ovviare a questa mancanza ed ecco che Arrivederci amore, ciao di Massimo Carlotto è giunto a me. Giunto si fa per dire, mi si è scagliato addosso piuttosto, facendomi porre a più riprese una sola domanda: “ancora?”. Eh già, ancora. Non il suono dell’amplesso, sia chiaro, ma quel lamento di chi chiede grazia, salvezza, eppure prova gusto, e si sente complice del carnefice mentre lo supplica di smettere.

Nel produttivo nord-est un ex terrorista, al termine di un forzato esilio in Sud America, riesce con l’infamia ad evitare di scontare la pena per la complicità nell’omicidio di un metronotte. Dopo un breve soggiorno a San Vittore, Giorgio Pellegrini, si rende conto che la vita da povero non fa per lui, ed è proprio l’operoso contesto in cui si trasferisce a fornirgli le chiavi per una svolta. Una rapina, degli utili omicidi (che, come il primo nelle terre selvagge, portano al protagonista un certo godimento), il riciclaggio, l’usura sono tutti passi verso la costruzione di uno status sociale prima invece rifiutato. La vera grana si fa con i reati finanziari, altro che droga. E con i soldi ci si compra anche la rispettabilità, la riabilitazione ma…

Un infame sadico, questo è Giorgio Pellegrini che, in barba al nome, compie un cammino verso la dannazione. Non ha pietà per nessuno, anche a letto ciò che conta per lui è il controllo. La soddisfazione del coito per lui passa per la sottomissione, l’umiliazione e la dominazione dell’oggetto femmina -questo è la donna- che si convince persino di amare.

Chi non ha mai sentito parlare di questo libro? Il papà del noir italiano, apprezzato anche all’estero, con quest’opera è stato finalista all’Edgar Award. Conoscevo già alcuni dettagli della storia, di recente ho persino recensito uno dei figli prediletti di Carlotto. Punita dal tempo di attesa per la scoperta, possedevo già una serie di dettagli che avrebbero potuto forse rovinare qualcosa della lettura: niente di più lontano dal vero. Il libro è veloce, tagliente, sapido. L’indulgere nel torbido non dura mai abbastanza e altro, di ancora più melmoso, attende il lettore voltata la pagina. Ed ecco un silenziatore alla nuca, un rapporto sessuale sotto costrizione, un poliziotto corrotto che scivolano tra le poche pagine giù, di fretta, mantenendo ritmo e asciuttezza mentre descrivono lo sporco. Sì, lo sporco di un uomo, di un sistema, della società che consente, chiude gli occhi, si volta altrove.

Il treno andava, il viaggio era uno schifo (parafrasando molto un altro papà del noir, più lontano nel tempo di Carlotto) ma come sempre un libro che valga la pena leggere può cambiare di molto le cose. Non escluderei che il dolce vecchietto alla fine mi abbia visto comparire un ghigno in viso.

 

fxbk9vvf6l6wy72we

 

 

 

 

arrivederci Arrivederci amore, ciao

Massimo Carlotto

€ 9,50

Edizioni E/O

2001

192 p

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Note a margine de La banda degli amanti, di Massimo Carlotto | diLetti e riLetti - 25 marzo 2015

    […] accade anche quando Marco Buratti incontra il suo doppio: Giorgio Pellegrini, già protagonista di Arrivederci amore, ciao e di Alla fine di un giorno noioso. Partiti entrambi dallo stesso “terreno”, la militanza […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: