La prima prova degli esami di maturità dal 2000 ad oggi, con pronostico

Esame di maturità 2014

Esame di maturità 2014

Mancano davvero pochi giorni all’inizio degli esami di maturità, per il 18 giugno è infatti prevista la prima prova di italiano. Attraverso un breve excursus è possibile prevedere su cosa sarà imperniata? Forse, ma sicuramente è possibile attraverso questo viaggio nel tempo raccogliere alcuni dati e informazioni sulla prova stessa, sui programmi di studi e sulle conoscenze letterarie degli studenti nel nostro Paese. Il range di tempo sul quale ho condotto il raffronto tra gli autori scelti va dal 2000, anno in cui la prova di maturità subì un cambiamento, fino all’anno scorso. Non mi ha sopresa scoprire gli autori che maggiormente ricorrono nelle prove d’esame: sono infatti Saba, Montale, Ungaretti e Manzoni ad avere regnato incontrastati in questi anni, seguiti di poco da Leopardi, Verga, Dante, D’Annunzio e Foscolo. Mai invece avrei detto che Pavese, Cardarelli e Svevo avrebbero rappresentato materia d’esame appena due volte, una sola, addirittura, Penna, Gozzano, Pascoli e Ariosto. Con buona pace del Tasso mai neppure nominato. Machiavelli invece riesce almeno in un’occasione a dire la sua, come sempre.

Tra i grandi nomi della letteratura classica pochi sono quelli approdati sui banchi di scuola nei giorni infausti delle verifiche, e si tratta di Catullo (in una delle due occasioni in una splendida traduzione di Quasimodo), Cicerone e Omero. La predilezione per la poesia, poi non tradotta nella realtà, vede comparire nelle tracce Baudelaire, Éluard, senza dimenticare Quasimodo, Petrarca, Craducci e Foscolo. Il teatro invece viene quasi del tutto ignorato se non in una singola occasione per il tramite di Pirandello, e attraverso qualche rapido cenno a Shakespeare e Brecht. Neanche a dirlo le donne della letteratura sono praticamente inesistenti e, dal 2000 ad oggi, per due volte le tracce recavano traccia, mi si perdoni il gioco di parole, del lavoro della Morante e di un’intervista a Cristiana de Caldas Brito. Dopodiché del femmineo non vi è più alcun segno. Più vicine a noi, forse più nello spirito prima ancora che nel tempo, rapide apparizioni, fuggevolissime, quelle di Primo Levi, Buzzati, Calvino, Eco, Alberoni, Pasolini e Raboni tra i nostrani, in compagnia di Saint Exupery e Uhlman.

Per carità non si parli di letteratura americana, E. Lee Masters e F. Brown devono essere caduti in una traccia per errore. Non stupisce così tanto quindi incontrare nel tempo Orelli, Bodel, Hesse e Canetti, considerati esponenti più meritevoli secondo la tendenza eurocentrista, e quindi appena appena lo fanno Walcott e Borges. Come non ricordare poi l’infarto che deve aver colto uno studente su due l’anno scorso al leggere che l’autore scelto dalla commissione era tale Magris? Eh sì, perché diciamocela tutta Magris lo si conosce ben dopo, o lontano, dal programma scolastico.

Da sottolineare altresì la predilezione per anniversari, ricorrenze, centenari.

Azzardiamo quindi un pronostico per l’analisi del testo. Sulla base dei dati da me raccolti dovrebbe trattarsi di un uomo, italiano, legato alla prima guerra mondiale di cui quest’anno ricorrono i cento anni. Lontana come sono dagli esami di maturità potrei solo scommettere, e se dovessi farlo punterei su Ungaretti.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

 

 

Annunci

Tag:,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: