Le meravigliose eccezioni: Una marina di libri a Palermo

Partiamo da un dato: il Salone del libro di Torino di quest’anno è stato da record. O così dicono le statistiche: un incremento del 3% di visitatori e un incremento fra il 10 e il 20% delle vendite non sono certo numeri da poco, e lungi da me voler fare piagnistei però…però.

Due questioni non possono essere ignorate a meno di non essere struzzi.

La prima è la stessa da tempo, e chiedo venia se lo ripeterò anch’io, ma abbiate un poco di pazienza. In Italia si legge poco e i dati Istat, davvero poco lusinghieri, ci dicono che nel 2013 la quota di lettori di libri è scesa dal 46% del 2012 al 43%, il campione definisce lettore colui il quale abbia letto almeno un, dico uno, libro nei 12 mesi precedenti, i cosiddetti lettori forti sono pochissimi. Nel 2012 una famiglia su dieci (10,2%) dichiarava di non possedere alcun libro in casa, il 63,6% ne aveva al massimo 100. In barba a Cicerone.

La seconda questione concerne i fattori geografici e non vi stupirò dicendovi che il Nord e il Centro surclassano nelle letture il Sud e le Isole.

Ora voglio sottolineare una cosa che mi irrita oltremodo: se Cristo si è fermato a Eboli le manifestazioni inerenti ai libri sono pure meno generose. Sì, va bene, guardandoci intorno troveremo qualche sparuto momento di reviviscenza, persino nomi noti che si donano a noi poveri meridionali in un convegno/reading/hounlibroinpromozione, ma quello che manca è l’interazione. E già, in un paese che non legge non è certo un supermercato del libro quel che manca, o una conferenza su questo o quell’autore. Il Salone, o anche Più libri più liberi a Roma, sono occasioni nelle quali la condivisione la fa da padrona, dove è possibile toccare, chiedere, discutere. Mi dico che se io -mettiamo- producessi wurstel, e in una data area geografica non riuscissi a venderne, avrei solo due scelte: o disinteressarmi a quell’area oppure, molto meglio, organizzare proprio lì una grandiosa riedizione dell’Oktoberfest con tutte le servole immaginabili.

Credetemi il Sud ha fame, e non di wurstel, ha fame di cultura, di bello, ma se tu mi abbandoni, se tu -editore- mi ignori, in base a quale principio dovrebbe crearsi affezione? Hai deciso di vendere i tuoi “wurstel” solo a Torino, liberissimo di farlo, ma non meravigliarti se mangio altro, e soprattutto non venire a piangere da me.

Per fortuna, in questo panorama non confortante, e proprio in una terra “isolata” per eccellenza, fioriscono meravigliose eccezioni. Orchestrata dalle due più influenti case editrici siciliane, Navarra e Sellerio, ecco Una marina di libri, dal 6 all’8 giugno: incontri, presentazioni, reading e discussioni aperte al pubblico in una cornice di rara bellezza, quale la sede della Galleria di arte moderna, a Sant’Anna della Misericordia.

Questo festival dell’editoria fieramente indipendente sarà inaugurato domani con la presentazione dell’ultimo libro di Andrea Camilleri, che ritornerà a Palermo dopo una lunga assenza. Ma, senza nulla togliere all’amatissimo creatore di un felicemente ventennale Montalbano, Una marina di libri non è solo un luogo di promozione della lettura con diverse anteprime nazionali, poiché saranno organizzate durante le ore del mattino attività con i bambini, mentre la sera i bellissimi spazi del chiostro, del cortile e della chiesa prenderanno vita grazie a reading, recital, dibattiti, proiezioni e spettacoli musicali. Senza che io ripeta informazioni già disponibili, troverete tutto il programma nel link al sito, e apprezzerete la qualità dell’evento (e potrete invidiarmi non poco perché io sarò li a mangiare arancini nella bella compagnia di Marina Finettino e Adriana Falsone).

Diceva Elvira Giorgianni, fondatrice della Sellerio:

Io lavoro e faccio i libri per cambiare la coscienza.

E sono certa che intendesse qualcosa in più dei wurstel.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diBuoneNotizie

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: