Del disinteresse diffuso per la lettura e di altre riflessioni (tra cui mia madre)

Leggo su twitter: la libreria Modus Vivendi è piena, a parlare un professore di filosofia che una schiera di laureandi segue con interesse e poi… e poi finita la presentazione nessuno di questi ragazzi si trattiene, nessuno acquista, sfoglia, si incuriosisce per questo autore o quella copertina. Nessuno.

E allora la domanda sulla validità dei progetti per avvicinare alla lettura, alla presenza di un così palese disinteresse, si fa fondamentale. I lettori latitano, questo si sa, ma perché? La complessità di una situazione che vede grida di giubilo per la riuscita del Salone del libro di Torino, con numeri da record, a fronte di un mercato che invece vede l’editoria in un calo costante di vendite è palese e aberrante. Mi sono chiesta quando si diventa lettori e, fatte le dovute eccezioni, tenuti presenti i distinguo e le particolarità, credo che la maggior parte di noi abbia cominciato ben presto. Con mani piccole a leggere libri tanto grandi, con la pila nascosta sotto il cuscino pronta ad illuminarsi appena fuori dal controllo dei genitori. Ma perché noi sì e tutti gli altri no? Un caso? Non per me.

Io ho cominciato a leggere perché stimolata in famiglia, perché il libro era considerato un dono prezioso, incartato con cura e reso allettante. Ma non è stato mica facile. Ero diversa, un poco strana, mi piaceva versare fiumi di lacrime sulle storie degli orfanelli, giocavo a pelota come gli altri ma nei pomeriggi d’estate tra un pic nic e l’altro (sì, sono stata fortunata a stare in campagna, poi che mi è successo, non so) amavo tenere un libro con me, leggere, sfogliare, desiderare.

Alle scuole elementari nuovo colpo di fortuna: la mia maestra faceva gare di lettura e tabelline i cui premi erano libri. Non compiti o obblighi, ma doni, appunto. Ma niente è rose e fiori. Insomma, i libri la maestra li comprava di tasca sua, la scuola aveva qualche testo in condizioni pietose riposto in qualche scaffale che osava chiamare biblioteca. Controsenso puro.

Ancora oggi mia madre, insegnante di scuola dell’infanzia, non ha la carta igienica in classe, figuriamoci libri. E così una stoica insegnante di qualsiasi ordine e grado può solo suggerirli questi benedetti testi, assegnare letture sperando che i ragazzi non vadano poi a leggerne la trama su wikipedia. Nei licei i più fortunati hanno qualche laboratorio tecnico, forse in qualche scuola c’è persino qualcosa che a una biblioteca assomigli, ma non basta. La scuola non è l’unico luogo in cui si forma un individuo, non c’è dubbio, ma è il luogo d’elezione in cui l’individuo si esprime in un contesto sociale: se leggi e sei strano come avrai sempre la forza di distinguerti? Io ce l’ho fatta, ma non perché fossi forte o particolare, questo è stato un caso sì.

Chiedere alle istituzioni di formare dei lettori bambini non è un capriccio, è chiedere che sia il luogo del sapere a insegnare la bellezza del sapere stesso, di formare cittadini capaci di ragionare e apprezzare il bello nella forma più etica di questo. Non di sole nozioni si vive, ma di amore, passione e gioia. E leggere è questo, non un esercizio a cui dare un voto. E scaricare tutto su insegnanti che ricevono stipendi inadatti e frustranti non è certo la logica che uno si aspetterebbe in un sistema decente. Affidiamo le generazioni future nelle mani di persone che poi non sosteniamo. Proviamoci noi a essere propositivi e felici divulgatori con le tasche vuote. Non è semplice, non è facile ma è un dato di fatto.

Diventare lettori da adulti è difficile, non impossibile, ma se invece si partisse dal principio? La letteratura per ragazzi è l’unica in un trend positivo perché nonostante tutto i giovani sono curiosi, amano esplorare e sono disposti ad essere educati nel senso letterale del termine: condotti. I lettori non sono meglio degli altri, ma sono senza dubbio persone più capaci di scandagliare la realtà e interpretarla. Leggere forma adulti consapevoli e se non è questo il ruolo della scuola, allora ditemi voi qual è.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: