Auguri, commissario Montalbano! – Un falso di Andrea Camilleri

Che la giornata non sarebbe stata assolutamente cosa il commissario Salvo Montalbano se ne fece subito persuaso non appena entrò nel suo ufficio. – Catare’! Catarella! – All’ordini, dottori! – Veni subito ‘nni mia! Non ebbi il tempo di posari il ricevitori che Catarella si materializzò davanti a lui, mpalato sull’attenti. – Catarella, mi vuoi dire che minchia è sta camurria? Montalbano indicò una montagnola di carta che quasi nascondeva il ripiano della scrivania. Catarella s’imparpagliò. – …pizzini sono, dottori. – Tutti pizzini? Catarella, stai babbiannu? – Nzamà, dottori, e pirchì? Questi pizzini a vossia sono, il nome vostro sopra c’è. Montalbano restò tanticchia nsallanutu, poi principiò a capire. Mandò via Catarella con un gesto e si sedette dietro la scrivania. Fece un mucchio con le mani di tutti i biglietti, mentre lo attraversava il pinziero di darci fòco. Chi l’aveva detto? Chi lo sapeva? Ma la curiosità lo assugliava e così raprì il primo, scritto con una curiosa grafia antiquata.

Eccellenza illustrissima e riveritissima! Il sottoscritto GENUARDI Filippo, fu Giacomo Paolo e fu Posacane Eldemira, nato in Vigata (provincia di Montelusa)…

Minchia, pensò Montalbano, costui patisce il complesso dell’anagrafe peggio di Fazio. Scivolò con lo sguardo alla fine del pizzino, dove “gratissimo per la benigna attenzione” il Genuardi esplicitava finalmente il suo desiderio di millanta e millanta anni di altrettanta felicità per l’Eccellenza illustrissima nonché destinataria del pizzino. Lasciando cadere il povero Genuardi, prese a casaccio un bigliettino rosa pallido. Aggiarniò leggendo i due versi vergati da una mano che ben canosceva:

Quanto più cerca ritrovar quiete, tanto ritrova più travaglio e pena…

Immobili, accomenzò a sintiri crisciri dintra di lui, ‘mproviso e violento, un gran senso di vrigogna al pinziero di quella volta che si era ‘nnamorato d’una picciotta che potiva essiri so’ figlia! Furioso più d’Orlando strappò il pizzino di Angelica in mille pezzettini. Meccanicamente, senza addunarsene, allungò la mano su un foglietto di quaderno piegato in quattro:

Dottori, trovasi a casa un cabarè di ficazzani maturi e tanticchia di caponatina. La tavola è già conzata. Auguri molti a vossia da Cirrinciò Adilina

Scoppiò a ridere, rinfrancato: per fortuna c’erano fimmine come a lei, che sapevano da che parte prenderlo. E già pensava al profumo dei fichi maturi, tuffandosi testa avanti nei pizzini, leggendo qui una frase allusiva di Elena, la gattoparda dagli occhi di cielo, là una professione di amicizia di Mimì Augello, Ingrid lo invitava a concludere i vent’anni di carriera con una cenetta, mentre il dottor Pasquano esprimeva amabilmente l’indefessa speranza che avanzando l’età di entrambi avrebbe smesso di scassargli i cabasisi. Tutti, tutti gli avevano scritto, tranne Livia che, dopo l’ultima azzuffatina, era partita in barca con i suoi amici. Poi taliò a una scrittura che non gli sembrava di accanoscere. Incuriosito, raprì:

Caro Salvo, converrai con me che vent’anni nella vita di un uomo possono essere pochi e possono essere tanti. Persino troppi. Speriamo per entrambi che nella vita di un personaggio di romanzi siano da considerarsi un bastevole compromesso.

Andrea C.

Annunci

Tag:, , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Le meravigliose eccezioni: Una marina di libri a Palermo | diLetti e riLetti - 11 luglio 2014

    […] lunga assenza. Ma, senza nulla togliere all’amatissimo creatore di un felicemente ventennale Montalbano, Una marina di libri non è solo un luogo di promozione della lettura con diverse anteprime […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: