La terra avvelenata de Il paese delle spose infelici – Mario Desiati

Da qualche anno il Salento va molto di moda nel comparto turistico: dai trulli al griko, dal mare alla pizzica, si è venduto tutto il vendibile. Ma come sempre accade il battage pubblicitario crea disegni edulcorati e fasulli nell’immaginario di chi quel territorio non lo vive. Territorio meraviglioso dal punto di vista naturalistico, il triangolo salentino -il cui vertice rovesciato creato dalla punta estrema d’Italia si tende verso i poli roventi del petrolchimico di Brindisi e dell’Italsider di Taranto- è stato violato senza riguardi e senza sconti per decenni. Come in una terra dei fuochi imbavagliata dal mare e dal silenzio connivente, questa appendice avvelenata produce giovani famelici di vita e di sogni, impastati di polvere rossa e calce bianca, ricchi di potenzialità, tarpati alla nascita.

Da questa culla incoerente muovono i loro passi i protagonisti de Il paese delle spose infelici, luogo mitologico e reale dove le giovani donne cercano scampo alle miserie di un matrimonio non desiderato nella morte, lanciandosi con grazia e bellezza finali da una rupe. Al vuoto della vita subita e non voluta, al vuoto di futuro, si contrappongono il vuoto fisico e poi il nulla.

Ciascuno di noi poteva contare nel proprio albero genealogico una sposa infelice. Una zia, una bisnonna, un’ava con le stimmate dell’insoddisfazione. La depressione per reazione o ribellione ai destini di nozze e dunque di morte.

Nati a Martina Franca, con gli occhi rivolti al siderurgico di Taranto, Zazà e Veleno corrono dietro ai loro sogni e ad un pallone, pieno di promesse e speranze il primo, sua imitazione ammirata il secondo; quello che potrebbero essere e non saranno mai conosce lo stop definitivo quando entrambi subiscono il fallo a gamba tesa dell’amore, in una sola forma: Annalisa, sensuale, enigmatica, corrotta e corruttrice, “sempre in mezzo ai maschi e agli ultimi, i pazzi e gli ammalati”, immacolata sgualdrina in bilico tra maldicenza e maledizioni paesane.

Invischiati in un’aria addensata e velenosa, Zazà, Veleno e Annalisa, dopo aver conosciuto la luce miracolosa dell’adolescenza e delle speranze, si avviano lentamente verso il nulla: l’uno dopo l’altro scoprono le proprie ferite, le proprie incapacità, in un’Italia da operetta dove invece tutto pare possibile, mentre Giancarlo Cito regala brevi sogni di stagnola e trasmissioni spinte ai suoi concittadini, imitando imprese di ben altra portata e longevità dei politici del Nord.

Ritornando verso il passato, il Francesco Rasoschi un tempo noto come Veleno riscopre e pare finalmente comprendere omissioni, colpe, segreti: accarezza con gli occhi della lontananza le figure un tempo care, e le accoglie definitivamente come parte di sé, scoprendo amore e poesia e luce dove sembravano essere solo corruzione e desolazione.

Desiati ha qui un maniera di raccontare contemporaneamente semplice e complessa, tessuta di quella semplicità della poesia quando è alta, di quella complessità di cui sono intrecciati i sentimenti più profondi. La figura di Annalisa, apparentemente sfondo, in realtà motore e protagonista, è resa con realismo fotografico nelle descrizioni, ma si abbiglia di surrealismo favolistico nei momenti di perdizione assoluta. Come se l’autore volesse comunque perdonarle ogni gesto, ogni scalino della sua discesa agli inferi, ammantandoli di un sguardo ancora –per sempre- innamorato.

La sposa (si scoprirà poi di chi) più infelice di tutte, sfuggendo alle maglie della vita, apre ali silenziose verso la dissoluzione ultima con una grazia sublime.

 

Il paese delle spose infelici, Mario Desiati, Mondadori 2008, 221 pagg.

Il paese delle spose infelici, Mario Desiati, Mondadori 2008, 221 pagg.

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: