Addio, Rizzoli Bookstore – Quando la (grande) mela è avvelenata

Tutti gli edifici di New York sono lettere d’amore ad una città incomparabile. Nel cuore di New York City una di queste lettere è scritta con un inchiostro azzurro pallido, in un’elegante grafia appena antiquata.

rizzoli 7Un palazzo tra la Quinta e la Sesta Avenue, icona dell’architettura newyorkese e uno dei più eleganti spazi commerciali degli Stati Uniti, ha ospitato per quasi trent’anni non solo il simbolo di un impero editoriale, ma l’emblema di un’Italia culturalmente opulenta, aperta al mondo e veicolo di idee: il Rizzoli Bookstore.

 

Rizzoli Bookstore, NYC

Rizzoli Bookstore, NYC

 

Ma il tempo passa e muta le condizioni che hanno permesso lo sbocciare di tanto fiore: l’edificio non è stato ritenuto di interesse storico, ed è innegabile che molte delle opportunità e dei servizi offerti dalla magnifica libreria di cui dobbiamo già parlare al passato (riviste internazionali, volumi illustrati di moda, arte, design, raccolte di musica europea, libri in italiano, francese, spagnolo) sono ormai facilmente reperibili online.

Difficilmente si potrà invece ricreare l’atmosfera da biblioteca rinascimentale e contemporaneamente da ritrovo cultural-mondano che si respirava nel Bookstore, con le sue panche imbottite dove leggere tranquillamente tra pavimenti di marmo, volte affrescate e pannelli di quercia, romantico set di film come Innamorarsi, con Robert De Niro e Meryl Streep.

Robert De Niro e Meryl Streep sul set di Falling in Love (innamorarsi)

Robert De Niro e Meryl Streep sul set di Falling in Love (Innamorarsi)

 

I proprietari dell’edificio -LeFrak real estate e Vornado Realty Trust – nonostante si rifiutino di rilasciare dichiarazioni sul futuro dell’edificio hanno quasi certamente intenzione –nonostante le proteste e la petizione online- di demolirlo per costruire un grattacielo.

La lettera d’amore che appartiene ad un secolo ormai lontano (l’edificio risale al 1907) sarà dunque sostituita da una slanciata, velocissima email, un tweet di acciaio e cristalli, più adatto al cuore di una città in continua evoluzione.

Il Rizzoli Bookstore, una tra le più belle librerie del mondo, meta di turisti ed appassionati, troverà forse un’altra collocazione, magari meno lussuosa e più legata alla città “vera”, ma per ora a noi tutti resta il malinconico sapore di un amore non più corrisposto.rizzoli 4rizzoli2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fashion In Barnes & Noble

 

 

Annunci

Tag:, , , ,

Categorie: diNotizie tascabili

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “Addio, Rizzoli Bookstore – Quando la (grande) mela è avvelenata”

  1. 19 aprile 2014 a 20:01 #

    Bel post, mi piace 🙂

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: