Nel Birraio di Preston si parla latino

Premetto di non aver nessuna intenzione di esaminare o pretesa di recensire uno dei veri gioielli (non me ne voglia Montalbano) di Andrea Camilleri. Vorrei solo condividere con voi una paginetta da applausi a scena aperta sia per la costruzione sia per la finezza linguistica.

Il prefetto fiorentino Bortuzzi, deciso a far rappresentare la contestata opera di Ricci a tutti i costi, si scontra con mentalità e codici che gli sfuggono (con sommo gaudio di Don Memè): l’uso del linguaggio -burocratico, forbito o dialettale che sia- è un’arma impropria e letale nelle abili mani di Camilleri; dietro lo schermo delle parole, la risata catarrosa dell’autore pare prendere in giro vecchi e nuovi costumi dei potenti.

 

« Vostra Eccellenza mi permette di parlare latino ? »
Il prefetto si sentì bagnare la schiena da un rivolo di sudore. Fin dal momento che si era imbattuto in rosa-rosae aveva capito che quella era la sua vestia nera.
« Ferraguto, in honfidenza, a scuola non ero mi’a bravo. »
Don Memè allargò il sorriso leggendario.
« Ma che ha capito, Eccellenza ? Da noi, in Sicilia, parlare latino significa parlare chiaro. »
« E quando volete parlare oscuro ? »
« Parliamo in siciliano, Eccellenza. »
« Vada avanti in latino. »
« Eccellenza, perché s’intesta a voler fare alzare questo comerdione del Birraio proprio a Vigàta dove ci sono venti contrari ? Mi creda, da amico quale mi onoro, che non è cosa. »
[…] « A Vigàta, hosa o non hosa, devono fare quello che ordino io, quello che diho e homando io. Il Birraio di Preston sarà rappresentato e avrà il successo che merita. »
« Eccellenza, posso parlare spartano ? »
« O che vuol dire ? »
« Spartano vuol dire parlare con parole vastase. Mi spiega per quale amatissima minchia è amminchiato a imporre ai vigatesi la rapprisintazione di un’opera che i vigatesi non si vogliono agliuttiri ? Voscenza vuole forse fare succedere un quarantotto, una rivoluzione ? »

 

Il Birraio di Preston - Andrea Camilleri Sellerio Editore - La memoria, 1995

Il Birraio di Preston – Andrea Camilleri
Sellerio Editore – La memoria, 1995

Annunci

Tag:, , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: