Buone notizie: a Palermo i libri come biglietto per il cinema

Dal 27 marzo scorso il film Storia di una ladra di libri è arrivato nelle nostre sale. Il film è tratto dal romanzo La bambina che salvava i libri, Markus Zusak, del 2005.

Cinema e libri si incontrano, toccano, sfiorano molto spesso, ma è in Sicilia che lo fanno fisicamente. L’ associazione ExtroArt (associazione no profit) infatti, in collaborazione con il cinema King di via Ausonia a Palermo, consentirà ai primi 6 che si recheranno al cinema con due libri usati l’ingresso gratis giovedì 3 e venerdì 4 aprile e, a tutti gli altri, l’ingresso al prezzo ridotto di 4 euro. L’iniziativa nasce dalla passione di alcuni volontari “paganti”. Eh sì, paganti, poiché non esiste nessun finanziamento che sovvenzioni le iniziative di un’associazione che da anni porta avanti progetti di promozione per la lettura e che vive dunque di collaborazioni e impegno. Il proprietario del cinema ad esempio ha scelto di propria volontà, e tasca, di aderire a questa splendida iniziativa a lungo respiro. L’associazione ExtroArt da anni è impegnata in un progetto dal nome significativo: Porto&riporto.

Come è nato e in cosa consiste? L’idea dei libri come bene di scambio nasce anni orsono al lido Barcarella a Sferracavallo che offriva una sdraio per l’intera giornata a chi portasse con sé due libri. I libri così raccolti, rigorosamente usati, sono confluiti poi all’interno della Biblioteca Archivista Francesco Carbone e da lì hanno continuato a circolare.

Contattato al telefono, Ludovico Gippetto, presidente della Extroart, ha sottolineato come la loro attività sia volta a produrre attenzione nei confronti del cartaceo, non come segno di non volontà di progresso, ma come veicolo che vada di pari passo con le nuove tecnologie, come pittura e fotografia hanno fatto in passato.

E le iniziative sono molte: alcuni complessi museali cittadini consentiranno l’ingresso gratuitamente sempre al prezzo di due libri usati, così come sarà possibile ascoltare concerti di musica classica all’interno dello spazio polivalente dell’oratorio S. Stefano Protomartire, centro nevralgico dell’associazione a Palermo. Anche qui la formula non varia: porto due libri, entro gratis, ne riporto via uno scelto tra quelli portati dagli altri.

LADRA

L’idea prende spunto dalla congregazione omonima che, durante la settimana santa, a Palermo, porta  e riporta in processione il Santo o la Santa, rendendo perciò immanente e moderno ciò che nasce come sacro. La cultura infatti DEVE circolare. Da qui deriva la scelta che i libri siano usati, come fossero “messaggi in bottiglia” ci dice il dottor Gippetto, di modo che chi li trova possa riceverne non solo il contenitore e il contenuto ma anche un  segnale. A tale scopo i libri sono contrassegnati da un codice ZTL (zona a traffico librario) e catalogati per favorirne scambio e mappatura: esistono perciò dei cosiddetti punti collettori (come il cinema King) in cui, in ogni momento, sapremo di poter trovare dei libri da prendere in prestito semplicemente portandone uno in cambio. A tale scopo l’associazione Extroart vorrebbe estendere l’iniziativa a tutto il territorio e cerca punti collettori in tutta Italia.

Ultimo ma non ultimo dei progetti, a seguito di una raccolta di libri usati avvenuta in precedenza, il 23 aprile, Giornata mondiale del Libro organizzata dall’UNESCO, sarà organizzata una giornata di scambio, con spettacoli gratuiti anche per bambini, al costo di due libri usati. In via Ruggiero VII inoltre saranno disponibili libri, eccezionalmente nuovi, donati dalle case editrici e salvati così dal macero.

Per informazioni ulteriori sulle moltissime iniziative della Extroart ecco i contatti:

https://www.facebook.com/fondazionewanted.palermo?fref=ts

3397152542  info@extroart.org

In questo spiito di collaborazione volontaria, il sito http://www.extroart.org è attualmente in costruzione grazie al lavoro gratuito di Informatica Consulting.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diBuoneNotizie

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: