Il Club Vesuvio di Mark Gatiss

Esistono personaggi talmente originali, diversi, strani da rimanere impressi nel lettore per diverso tempo, tra questi, senza dubbio, Lucifer Box. E come potrebbe non essere con un nome così? Definito come il frutto di un improbabile melange tra Oscar Wilde e Sherlock Holmes, Lucifer mi ha suscitato una immediata antipatia, sì, antipatia, eppure… Eppure Lucifer è un personaggio irresistibile, dalla sessualità proprompente, dalla coscienza grigio sporco, dai modi effeminati e dall’intelligenza prepotente. Come dunque non superare questa naturale antipatia per lasciare spazio al fascino indiscusso del cattivello dalla faccia di bronzo? Il tutto abilmente condito dall’ambientazione storica: i primi del 900.

Lucifer è una spia che vive al numero 9 di Downing street, nella casa di fianco a quella del primo ministro inglese, reclutato per compiti tra i più svariati e, tra questi, non di rado compiere delle “eliminazioni”. Nella sua “prima vita”, quella conosciuta dai più, Lucifer è un pittore, un elegante viveur, un artista dedito ai piaceri terreni. Sesso e belle cose sono per lui fonte di godimento e gioia, non disdegna giovinette e giovinetti, così come tutti gli altri piaceri effimeri. Esiste però una sua altra parte, quella della spia appunto, e pure in questa sua seconda occupazione Lucifer non tralascia i piaceri stessi. Un bel completo o un rapporto sessuale con chicchessia possono convivere con la più complicata delle missioni. In questa prima avventura, Il club Vesuvio, il personaggio nato dalla penna di Mark Gatiss deve occuparsi della misteriosa sparizione di alcuni vulcanologi e, al tempo stesso, di scagionare un suo quasi-amico da una accusa di omicidio. La storia lo costringerà a recarsi in una Napoli bellissima e decadente, fatta anch’essa di una parte emersa e di una sommersa tra lava e club equivoci. Non mancherà di innamorarsi (di un paio di persone) e di rischiare la vita, questo strano eroe che invece che un mantello si fregia di un fiore all’occhiello e di servitori che lo liberano di strane bestiacce feroci o gli preparano un bel bagno. La morte dei uno dei suddetti risulta agli occhi di Lucifer intollerabile: non potrà mica occuparsi delle faccende domestiche da solo!

Primo libro di una serie che ha per protagonista l’imprevedibile Lucifer, Il club Vesuvio è leggero, brillante, mescola sapientemente giallo e humor, la trama solida della storia è inframezzata da colpi di scena e boutade che rendono l’esperienza di lettura piacevolissima. Una spy story che mi conquista rappresenta per me un vero e prorpo ossimoro e invece, nonostante io consideri James Bond una piaga -de gustibus non disputandum est- questo testo mi ha da un lato tenuta impegnata con la storia e dall’altro mi ha divertita. Essendo solo il primo dunque vi parrà normale io ne abbia cercato i seguiti, e che amara sorpresa scoprire che in Italia solo il capostipite sia stato tradotto. Come dire vi invito a cena, vi chiedo se volete il dolce e, se rispondete sì, vi dico gne gne non ce l’ho. E io una cena senza dolce la considero un insulto eh.

Mark Gatiss è un attore, un autore e uno sceneggiatore che ha collaborato, tra l’altro, alla serie Sherlock e sembra ne abbia fatto tesoro donando all’archetipo del detective nel suo libro una umanità strabordante, forse pure troppa. Questo Lucifer così amabile per la sua spumeggiante stronzaggine sulla carta, mi sarebbe di sicuro indigesto nella vita reale. Forse è questa la maggiore virtù di questo libro che rende ciò che non è ciò che è nella forma del giallo. A Lucifer insomma un posto nella mia libreria in attesa delle succesive traduzioni e di un mio indispensabile corso d’inglese, tuttavia per lui, casomai lo incontrassi, niente dolce, no anzi nemmeno un invito a cena.

 

9788874966158_quarta.jpg.448x698_q100_upscale  Mark Gatiss

Il club Vesuvio

344 pg

15,50 €

tradotto da E. Cantoni

Kowalski Editore

 

 

 

 

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

One Comment su “Il Club Vesuvio di Mark Gatiss”

  1. 6 luglio 2015 a 22:58 #

    Che bello leggere una recensione su questo romanzo meraviglioso. Io l’ho adorato e – come te – ci sono rimasta malissimo scoprendo che gli altri due non sono stati tradotti (e ho poche speranze che lo faranno in seguito). Purtroppo in Italia conta molto il nome dello scrittore e Mark Gatiss non è famoso (qui) come merita. Se non si è fan di Sherlock e/o di Doctor Who, non lo so conosce. Purtroppo perché è eccezionale.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: