Vita da editore: Angelo Rizzoli

La Rizzoli Editore ha origine con un bambino, nato a Milano nel lontano 1889 in una famiglia di condizioni più che modeste: una sorella ancora bambina muore per gli stenti, poi il padre si suicida per la depressione dovuta alla miseria. Dei pochi anni trascorsi con la madre, Angelo ricorda l’incubo della povertà estrema (di cui tuttavia non farà mai mistero) in una città benestante, in un quartiere ricco.

Il sollievo di essere infine affidato ad un orfanotrofio maschile, chiamato i Martinìtt (piccoli San Martino, dal nome del santo cui l’oratorio è dedicato), è immenso: povero tra i poveri come lui, Angelo vi resta fino al 1906, conseguendo la licenza elementare e imparando, pare su suggerimento della madre, il mestiere di tipografo.

Uscito dall’orfanotrofio, è fattorino di tipografia, poi a 16 anni operaio presso lo stabilimento grafico Alfieri e Lacroix. Investe immediatamente i primi risparmi in una macchina da composizione da pagare a rate in cinque anni. Nasce in via Cerva, a pochi passi da piazza San Babila, la piccola tipografia A. Rizzoli & C., formata da Angelo stesso e da un solo dipendente. Tuttavia, con immensi sforzi e grande fiducia, il lavoro procede: si stampano biglietti da visita e etichette per le cassette della frutta. I debiti vengono man mano saldati e i guadagni reinvestiti nell’acquisto di nuove attrezzature, poi ci si trasferisce in locali più adeguati. Nel frattempo sposa Anna, una giovane che lo aiuta a mandare avanti la famiglia con il suo lavoro di cucitrice, fondamentale quando Angelo sarà chiamato al fronte, costretto a chiudere la tipografia.

Tuttavia, il giovane Rizzoli torna dal fronte con mille nuove idee e mille energie: raggiunge in pochi anni i cento operai, poi il grande salto da tipografia a “casa editrice”. Acquista dal “Secolo” di Milano titoli di periodici destinati a un vasto pubblico, quali i settimanali Novella (1927), il Secolo illustrato (1927) e Annabella (1933).

Ma è il 1929 la data storica: il primo libro in dispense, Storia del Risorgimento a cura di Cesare Spellanzon, ha un successo enorme. Da qui, l’inizio della grande ascesa con la stampa dell’Enciclopedia Italiana dell’Istituto Giovanni Treccani; in seguito, con la direzione di L. Longanesi, nascono il settimanale Omnibus (1935-37) e la collana Il sofà delle muse (1942) e ancora Oggi (1939-42), per la direzione di A. Benedetti e M. Pannunzio. Ma il vero fiore all’occhiello sboccia dopo la guerra, nel 1949, con la Biblioteca Universale Rizzoli, la Bur, i classici a prezzi popolari. È una sorta di mecenatismo culturale: i grandi libri alla portata di tutti, collana affidata al bravissimo Paolo Lecaldano, intellettuale napoletano che la dirige fino alla chiusura della prima serie, nel 1972, pubblicando 909 titoli. Negli anni ’50 la Rizzoli, ormai divenuta una società per azioni, acquisisce cartiere e stabilimenti grafici, apre splendide librerie a Roma, Milano e New York, pubblica l’“Europeo”, il settimanale “Bella”.

Intanto Angelo Rizzoli scommette nel settore cinema, distribuendo i famosissimi film di Don Camillo, lanciando opere di Rossellini, e soprattutto producendo dapprima La dolce vita dell’allora praticamente sconosciuto Fellini e poi L’eclisse di Antonioni. E vince, vince sempre.

Anche nel settore libri continuano i successi di livello sempre più alto come I classici dell’arte, le Grandi monografie d’arte e, tra le grandi opere, l’Enciclopedia Universale creata con Larousse.

Negli ultimi anni della sua vita Angelo Rizzoli è un uomo molto ricco e deciso a godersi la vita, tra ville ad Ischia, tavoli da gioco e panfili, ma senza mai mollare la presa sul suo impero economico: solo col passare del tempo –seppur malvolentieri – lascia le redini del suo impero economico al figlio Andrea.

Temprato da una vita di sacrifici e di grandi ambizioni, non sembra mai dimenticare le sue origini e le fatiche affrontate per arrivare sino a quelle altezze: le vette della Milano-bene che bambino guardava con invidia. Di lui Oriana Fallaci scrive:

non giocava per vincere, ma per perdere e pagare così il suo debito con la fortuna

Ma il debito più importante Angelo Rizzoli lo ha sicuramente contratto con la sua stessa lungimiranza e la sua infinita tenacia.

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

Categorie: diRitratti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: