Tutta colpa del libraio – Circonvenzione di un’incapace (di resistere)

Non posso incolpare nessuno (o, al limite, giusto la bravura di Elena Ferrante) se stanotte invece di dormire sono rimasta fino alle due a leggere Storia di chi fugge e di chi resta.

Non posso incolpare nessuno, o forse solo il gusto per la lettura di una madre che non ha mai potuto studiare, e la passione scatenata di una zia – occhialuta come me- che mi regalava casse intere di libri ed enciclopedie.

Ma posso incolpare il mio libraio se il mio portafogli ed io abbiamo le palpitazioni quando mi avvicino a qualunque scaffale? Sì, certo che sì.

Breve episodio: un giorno di caldo incredibile e di penuria di soldi molto credibile, sono entrata in una libreria della capitale. Senza motivo, solo per cercare riparo per alcuni minuti dall’afa, sperando di scongiurare un coccolone imminente. Varcando la soglia malefica, mi son detta: Tanto non devo comprare nulla, mi riposo un attimo e vado via. Questo senza immaginare che un libraio feroce mi spiava da una corsia, pronto all’agguato. Non saprei dire come né perché, in pochi minuti già discutevo con lui dei pregi di quello scrittore, della delusione di quell’altro romanzo tanto atteso. Di nuovo mi son detta: Tanto ho almeno dieci libri da leggere, non comprerò nulla. E perciò, forte di tanta motivazione, sono tornata sotto il sole cocente carica del peso di un romanzo che –sosteneva il perfido- non potevo proprio perdermi. In effetti non aveva neanche torto, ma questa è quasi da considerare circonvenzione di incapace (di resistere).

Ed è colpa di Anna della libreria P*** se per un breve periodo ho perso la testa per un tizio di origine russa ossessionato da Dostoevskij: non dico che non fosse interessante, eh… ma se la signora in questione si fosse limitata a consigliarmi questo o quel russo, senza chiedere la consulenza del fascinoso lettore che si aggirava per la libreria in attesa della preda innocente, non avrebbe fatto un soldo di danno.

E poi, vogliamo parlare di questa Anna? Vive in libreria da che ho memoria, praticamente more uxorio con un omino coi baffi identico a quello della Bialetti, ma in versione Pel di Carota. Sono entrambi bassini, formato tascabile, probabilmente una mutazione genetica per meglio aggirarsi nello straripare delle scaffalature. L’ignaro cliente non sa mai dove si trovi il libro che cerca: tutto è in un ingannevole disordine che costringe a rivolgersi alla apparentemente innocua Anna. Che ha letto TUTTO, ogni libro, qualunque scartafaccio, opuscolo o tiratura limitata. Al primo fremito degli occhialetti, il libro appare magicamente, accompagnato però da un consiglio educato: prima di leggere questo, perché non provi a vedere se ti interessa quest’altro…? E non so se conosci l’autore di…? Tu avrai letto senz’altro…?

In genere vacillavo al secondo e crollavo al terzo punto interrogativo, ma a volte alla libraia senza scrupoli bastava il primo accenno per ottenere una resa totale.

Posso affermarlo senza tema di smentita: per colpa di Anna e dell’OminoCoiBaffi, il mio già magro PIL studentesco è sempre stato ai limiti della denutrizione.

Tenetelo sempre, sempre a mente: i librai –quelli veri, quelli pronti al consiglio non richiesto, quelli che amano il loro mestiere- sono esseri pericolosi, persone di cui diffidare, e hanno colpe colossali. Ma per la fortuna della nostra civilissima società, ormai sono da considerarsi una specie in via di estinzione.

Annunci

Tag:, , , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: