Mendel dei libri di Stefan Zweig, il personaggio diverso

Cosa si può dire, ragionevolmente, di un libro che si consuma in poco più di cinquanta pagine? Facile: che non è vero si consumi. Piccolo sì, ma non di passaggio, “Mendel dei libri” di Stefan Zweig è uno di quei piccoli gioielli di cui adornarsi nel corso d’una vita, e chi oserebbe mai sostenere che una gemma non abbia valore solo per le sue ridotte dimensioni? Un racconto, poche pennellate, eppure talmente nitide e ben tracciate da non lasciare dubbio alcuno sul valore umano, oltre che squisitamente letterario di questo testo.

Jakob Mendel è un uomo, ma più ancora che un uomo è un custode: dentro di sè infatti egli contiene una infinita quantità di informazioni sui libri. Seduto al tavolino d’un bar austriaco, il caffè Gluck di Vienna, si occupa di procurare qualsiasi testo gli si chieda, e di cui beninteso egli conosce tutto, per quanto raro e difficile da reperire. Ed è perso nel suo mondo di carta ingialllita Mendel, conosce edizioni, autori, ma non capisce il mondo e i suoi mutamenti, o forse non se ne preoccupa, poiché egli si sente di un diverso universo, di un posto altrove. Lo conoscono tutti quelli che hanno avuto bisogno d’un libro senza riuscire a reperirlo, lo stimano senza mai entrare in una vera intimità con lui, se ne servono amandolo senza confidenza poiché egli è diverso: unico.

Talmente unico da dimenticare di misurarsi con la realtà: pur vivendo da 33 anni in Austria, Mendel non si cura di richiederne la cittadinanza. Un russo di nascita si aggira in una città austriaca nel pieno della guerra. Non ci aveva mai pensato Jakob, non sono queste le cose di cui si interessa, sono i libri e la carta il mondo che egli osserva da dietro le sue personalissime lenti. Ma il mondo non è più lo stesso e lui non lo sa. Depauperato del suo ruolo, spogliato della sua unicità egli sarà privato, per sempre, del suo scopo e del suo essere. Può un uomo così nascondere un’indole malvagia? Ai suoi persecutori pare di sì, perché la diversità è stata sempre malsopportata fino a sfociare negli orrori che ben conosciamo e di cui si parla senza conoscerli, ma aspettandoseli, in questo libro del 1929. Parabola d’un mondo ostile che cambia, questa amara novella lascia appena il tempo di qualche riflessione immediata e di infinite domande successive. Scava Zweig nella coscienza con misuratissime e scarne parole e colpisce, affonda. Chi se non Adelphi poteva possedere nel proprio catalogo questo testo? La copertina essenziale, i cui tratti rcorrenti ben conosciamo, sembra essere l’unica possibile per questa delicata e potente creatura nata dalla penna dell’ebreo Zweig.

Avere paura di ciò che non ci assomiglia è temere la vita, non proteggere e amare personaggi come Mendel significa avere smarrito la propria anima.

indexStefan Zweig

Mendel dei libri

Adelphi

1929

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: