No, no, non te lo do, il libro no, no, scordatelo!

“mi sento freddo, paralizzato…”

Canticchio e penso, sì pensano pure le persone strane. Penso che, se mi conosceste dal vero, ci sarebbe una cosa di me che odiereste. Voi lettori forti avreste la tentazione di prendermi a calci, e come darvi torto? Io confesso: non restituisco mai i libri che mi vengono dati in prestito. Inutile che scuotiate la testa, inutile che mi disapproviate puntandomi contro il dito, inutile che tutto: sono fatta così. Ho fatto un piccolo tour mentale tra le persone che conosco (sulle note dei Litfiba per sentirmi ancora “ciovane”) e ho individuato una serie di tipi-da-prestito con i relativi pregi, e voi vi riconoscete in uno di questi o appartenete ad un’altra terribile categoria?

1) La occhi di gatto

La ladra (o ladro chiaramente, uso il femminile perché questa sono proprio io) con astuzie e gesti melliflui convince il malcapitato a prestarle questo o quel libro. Dopo averlo letto lo ripone con cura nella propria libreria e, alle successive richieste di restituizione, risponde con risatine e vacue promesse. Diffidate, diffidate e diffidate. Unico punto a suo favore non se ne ha a male quando le viene riservato lo stesso trattamento.

2) La cattolica

Questo tipo (di nuovo il femminile, perdono! Ma questa è la mia più cara amica) vorrebbe perpetrare furti e ruberie, sottrarre testi a cuor leggero. E poi? E poi il senso di colpa, ma anche la paura che le riservino lo stesso trattamento, la bloccano. Pregio massimo la generosità. Pur di non prestarvi un suo libro è disposta a comprarvelo.

3) Pugno di ferro

Acerrimo nemico della ladra, pugno di ferro possiede uno strumento magico: l’agenda. In una lista, vergata con la penna nera, tiene catalogate uscite e entrate, sa in ogni momento dove ogni singolo libro della sua personale libreria si trovi. Guai a restituirgli l’oggetto del prestito con segni o orecchiette, rischierete la morte. Pregi non li chiedete a me: lo odio.

4) Gollum

Il suo tesoro è solo suo. C’è poco da aggiungere, pur di non prestarvi nulla sarebbe disposto a dare fuoco ai suoi libri e a perire con loro. Pregio incommensurabile: ogni libro per lui è davvero oro.

5) Il palpatore

Ognuno ha un proprio ordine, alcuni tengono i libri in ordine alfabetico, altri per colore, altri per simpatia, io li tengo in ordine di gradimento e quelli che più amo sono più in vista e più vicini a me. Il palpatore arriverà a casa vostra e toccherà tutto. Sfilerà libri dalle mensole, vi porrà domande per cui non attenderà risposta e, con un gioco di prestigio, infilerà nella borsa o nell’impermeabile un libro a sua scelta. Voi, stremati, non avrete la minima idea di quale sia. Pregio l’allegria, inoltre vi darà una ragione per spolverare.

6) L’educatore

Diciamocelo, per lui siete scemi. Non avete davvero mai sentito parlare di quell’autore russo che scriveva con un dito nel naso? Ma davvero non avete mai letto qualla tale autrice ignota persino ai suoi stessi genitori e frutto forse di una partenogenesi? Non disperate: ci pensa lui. Mettendovi seduti e, possibilmente, con un cappello da asino in testa, vi elargità ogni genere di informazione su i suddetti scrittori di nicchia (come ama definirli lui). Ahilui non saprete mai abbastanza. Pregio: di tanto in tanto vi regalerà davvero una perla.

7)Il narciso

Scrittore, voi credete abbia scritto uno, massimo due libri e invece no, ma proprio no. Ha all’attivo decine e decine di pubblicazioni, audiolibri, raccolte di poesie e chi più ne ha più ne metta e, generosone, vorrà farvi dono di ogni singolo tomo da lui vergato nel corso della sua vita. Avrà senza ombra di dubbio un gran numero di testi che vorreste farvi dare in prestito ma non siate sciocchi, avrete accesso a quelli solo quando tornerete da lui a commentare la sua opera omnia. Pregio l’entusiasmo che vi saprà trasmettere, e per cui cederete all’impulso di dare una scorsa al suo libro sulla vita delle coccinelle polinesiane.

8) Il bianconiglio

Vi presterà con un sorriso tutto ciò che desiderate, abile affabulatore vi sembrerà la persona più gentile del mondo. Ipocrita! Vi darà il tormento fino a che non gli avrete ridato Il signore degli anelli, che pretenderà abbiate letto in 72 ore. Pregi è possibile riscontrarne solo se non possiede il vostro numero di cellulare.

9) Lo smemorato

Si tratta in genere di un tenerone che, a una vostra richiesta di restituzione d’un prestito dell’89 sfodererà occhioni da cerbiatto e, candido, vi confesserà di non avere idea di ciò che gli state dicendo. La tenerezza talvolta si accompagna all’uso di droghe leggere. Pregio: la smemoratezza è reale, potrete rubargli con disinvoltura pile di testi e non ne avrà la minima idea.

10) Paganini

In tutta la sua esistenza questo individuo avrà letto un solo libro, non ha importanza se l’ultimo di Moccia o L’diota, tenterà di inserirlo in ogni conversazione e di rifilarvelo ogni volta che lo andrete a trovare a casa sua. Pregio: se troverete in casa vostra il libro in questione saprete senza ombra di dubbio a chi doverlo restituire.

In definitiva posso trarre alcune conclusioni: frequento brutte persone, sono il peggio che possa capitarvi e leggere è una lente con cui guardare il mondo. Sempre, anche solo per poterne sorridere.

 

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:,

Categorie: diVagazioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: