Dickens, Pickwick e Weller, gentiluomini: un’allegra brigata vittoriana

È arduo riassumere in poche parole un tomo di quasi ottocento pagine di cui tutti hanno almeno sentito parlare, che è il simbolo e la bandiera di un’intera società, figlio della penna ancora acerba di Charles Dickens.

In pratica si tratta dei resoconti delle riunioni di un club scritte dal suo fondatore e presidente, Samuel Pickwick, e da un drappello di strampalati soci, i signori Tracy Tupman, August Snodgrass, Nathaniel Winkle, che descrivono con dovizia di dettagli viaggi e avventure come anche osservazioni su costumi e carattere degli uomini. Tra scrocconi e duelli, vecchie zitelle e religiosi ubriaconi, mancati matrimoni e feste natalizie, dalle pagine sbuca e si mette in moto una vera armata comica con più di sessanta personaggi, un intero universo che si agita, sgomita e ne combina di tutti i colori. Le avventure di Pickwick e dei suoi compari si alternano ai racconti dei vari personaggi, gentiluomini e popolani, tutti ugualmente protagonisti del romanzo, con il cordiale Pickwick che pare volerli abbracciare tutti per fare egli stesso da cornice in carne e ossa ai vari episodi.

Samuel Pickwick, retired businessman

Samuel Pickwick, retired businessman

Gioviale e ottimista, ricco di buoni propositi e di idee rigorose, il nostro gentleman è una sorta di Don Chisciotte immobile: senza che lui lo desideri le avventure vanno a cercarlo col lanternino; benché accorso in ritardo, il Sancho Panza –e fattore accelerante dell’opera- è Sam Weller, il suo cameriere filosofo e concreto, vitale e ricco di humour, mosso da uno spirito pratico irrefrenabile che tenta con ogni mezzo di contenere l’idealismo stravagante di Pickwick.

La società inglese del tempo attraversa questa creazione della giovinezza di Dickens che lascia presagire tutta la sua produzione posteriore, e in ogni pagina ancora oggi assaporiamo un modo di raccontare riuscito e perfetto che riflette nello stile tutta la mutevolezza dei caratteri creati.

Ma la vera riuscita, il punto di forza della narrazione, sta nella “strana coppia” Pickwick-Weller, unione ben assortita di due caratteri comici, ma reali e umani; tutti gli altri personaggi sono macchiette irresistibili: imbroglioni, ciarlatani, stravaganti e snob, medici tratteggiati con pennino tagliente. Un Dickens satirico dipinge un’Inghilterra dove le convenzioni sociali raggiungono tali vette da sfiorare l’assurdo, ma in qualche modo (e senza mai cadere nel crepuscolarismo) esprime anche una vaga, divertita nostalgia per tutte quelle “buone cose di pessimo gusto” di cui è impastata l’Inghilterra vittoriana, originale fino all’eccentricità. Il ritratto che ne esce è anche l’immagine “tipica” dell’inglese che si è tramandata fino ai nostri giorni.weller

Nota a margine: i primi quattro numeri dell’opera non ebbero grande successo; ma dopo il suicidio del primo disegnatore (non tutto il male vien per nuocere…) e l’avvento di Sam Weller, le vendite conobbero un picco incredibile passando da 400 a 40mila copie al mese. Pickwick era diventato un personaggio popolarissimo e le perle di saggezza di Weller erano citate ovunque come battute di spirito. E con una delle sue famose frasi vi saluto anch’io:

Contentissimo di vedervi, proprio di cuore, e mi auguro che la nostra conoscenza durerà un pezzo, come disse quel tal signore al biglietto da cinque sterline.

 

 

 

 

 

 

 

 

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: