Balzac al Grande Fratello: e #Masterpiece che fine ha fatto? dilemmi di metà giornata

Sarà un po’ il Grande Fratello degli scrittori. Lanciato da Les Editions du Net, l’Académie Balzac è il primo reality letterario in Francia (cugini, ma come siete indietro, non ci si può credere !)

Diffuso via web (ah, però…) dal 1° al 24 ottobre 2014, permetterà di seguire venti scrittori rinchiusi in un castello (vista la foto, direi persino meglio dell’ascensore della Mole, ma il bello viene ora…) per redigere un romanzo collettivo su un tema di loro scelta. castello

Quindi niente sfide feroci? Niente libri già scritti da lanciare dietro i malcapitati autori ? Eh, no. I cugini d’Oltralpe dovranno rinunciare a queste amenità).

Secondo Henri Mojon, fondatore delle Editions du Net, questo programma sarà un modo per far parlare di nuovi autori usando i codici del reality, ma assecondando la tendenza all’autopubblicazione e l’aumento di scrittori che intendono restare anonimi (quest’ultima cosa non l’ho ben capita: vuoi restare anonimo in televisione? C’è un quid che mi sfugge…).

Ma come saranno scelti gli aspiranti reclusi ? Tramite una preselezione che inizierà il 1° febbraio sul sito Academiebalzac.fr (calmi, non è ancora attivo). Primo ostacolo: aver pubblicato almeno un libro (e appare subito chiaro che il programma non si rivolge agli esordienti, o aspiranti tali, ma a chi ha già pubblicato. Se tramite casa editrice “vera” o selfpublishing, ancora non è dato sapere).

Altra differenza fondamentale: saranno gli utenti del sito a scegliere i candidati, (e come già sentito altrove, si attendono 5000 candidature. Ci dev’essere una quota nero inchiostro riservata agli aspiranti scrittori) che poi passeranno al vaglio stretto di una giuria. I felici prescelti raggiungeranno l’Académie Balzac, che ha sede al castello di Brillac, vicino Cognac (e qui più di un pensiero si eleva ai panciuti bicchieri svuotati per favorire l’ispirazione. Ma non divaghiamo…) per rinchiudersi e scrivere come forsennati. Ancora: l’opera sarà rivelata al pubblico durante la Giornata del Manoscritto il 24 ottobre 2014 e pubblicata dalle Editions du Net (perché –mi chiedo- perché tutto ciò mi sembra meno avulso dalla realtà del nostrano Masterpiece ? ecco, non ce l’ho fatta, l’ho nominato! Attenzione, però: non sono la sola!) Il giornalista così conclude avvisando che il programma non è del tutto pionieristico (cito testualmente per non incorrere in rischi): “Nel novembre 2013, il canale italiano Rai3 aveva iniziato la diffusione di Masterpiece, un concorso per talenti letterari con sfumature di reality che si è concluso con un fallimento, giacché gli ascolti non sono mai decollati“. (Eppure io sapevo da fonti interne che i selezionati continuano a registrare sessioni con prove sempre più assurde… mah!)

Vi lascio con questi amletici dubbi: ritornerà Masterpiece? Funzionerà l’Académie Balzac? Riuscirò a trovare un tecnico per il computer/idraulico/elettricista entro domani? E per quanto parer strano possa, l’ultima questione è la più vitale e di più facile soluzione.

Fonte: http://www.livreshebdo.fr/article/lacademie-balzac-la-premiere-telerealite-francaise-consacree-au-livre

Annunci

Tag:, , , ,

Categorie: diNotizie tascabili

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: