Quando si ha davvero fame. In risposta ad un articolo di Officina Masterpiece

Brevissima riflessione suscitata dalla testimonianza di Roberto Donelli, capo redattore della redazione Motori del Corriere della Sera, riportata sul blog Officina Masterpiece a sostegno di una “analisi sul perché non si legge più o si legge meno“.

Non so che tipo di lettore sia stato -ove mai lo sia stato davvero, e permettetemi di dubitarne- il signor Donelli. Il modo che ha di parlare dei libri letti, della sua disaffezione causata dall’incapacità di decidersi nella pletora di libri esposti mi fa ritenere che non abbia mai letto per vero interesse, per passione, per fame.
Perché quando si ha fame, caro Donelli, si sa benissimo di “quale cibo” si ha bisogno: se si ha fame e si vuole un’insalata, si sa quale mangiare, come prepararla e come condirla, a cosa accompagnarla e in che quantità. Io so perfettamente che mangio soltanto insalate croccanti e quindi, arrivata al banco, evito il songino e mi fiondo sulla belga, sull’iceberg, sui finocchi. Mi conosco.

So che se anche dovessero servirmi su un piatto d’argento massiccio cesellato dal Cellini in persona 50 sfumature di quasi niente o Baciami volando basso sopra l’orizzonte del cielo (non provate a rubarmi questo titolo, è MIO!!!), restituirò il piatto intonso. Ma tentate di nascondere un ghiotto Jonathan Coe in mezzo a 50 buste di insalata, io lo troverò e lo mangerò di gusto.

Conoscete quella frivola storiella/di un certo asino di cui si discute a scuola?
Nella stalla gli vennero portate/per il suo pasto due quantità di fieno uguali,
della stessa qualità, per molte volte;/dai due mucchi l’asino si vide tentato
ugualmente, e, drizzando le orecchie,/proprio in mezzo ai due mucchi uguali,
concretizzando le leggi dell’equilibrio,/morì di fame, per timore di fare una scelta.

Insomma, come nel paradosso dell’asino di Buridano, qui sopra riportato nella versione di Voltaire, per eccesso di scelta il lettore indeciso decide di non mangiar più e lasciarsi morir di fame.

Ma la fame vera non ammette deroghe o rinvii, non ti lascia tornare a casa imponendo allo stomaco vuoto di tacere e vedersi un film. Lo stomaco brontola, protesta, si contorce. Chiede, pretende soddisfazione. E più questa tarda ad arrivare, più aumenta le sue pretese, senza tregua.

Mi sorge il sospetto, signor Donelli, che lei sia sempre stato piuttosto inappetente, che i “russi pallosi” li abbia giusto sentiti nominare da qualche amico (avete notato che di recente i russi sono “pallosi” e l’Ulisse non l’ha finito nessuno? mode del momento…), e che insomma quando ha dovuto mangiare l’ha fatto per forza e solo per sopravvivere.
Per carità, nulla di male, ad ognuno la sua passione.

I motori non sono certo il mio pane, lo so bene e mi guardo dall’intervenire a sproposito sull’analisi del performante carburatore (esistono ancora i carburatori? mi viene il dubbio) dell’ultimo modello della berlina giapponese Yo-cio-san. E, consapevole della mia totale “asinaggine”, sorrido e annuisco, risparmiandomi qualche figuraccia.

A bon entendeur…

 

Francesca Schipa

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “Quando si ha davvero fame. In risposta ad un articolo di Officina Masterpiece”

  1. 16 gennaio 2014 a 15:58 #

    Direi ‘Nailed it’.
    Già sapere che è caporedattore della sezione motori fa tutto un altro effetto, fosse stato nella sezione cultura mi sarei preoccupata seriamente…
    Direi che la pensiamo uguale, a parte il fatto che non sopporto l’insalata. E Joyce xD

    • 16 gennaio 2014 a 16:13 #

      Mi secca proprio che sia della sezione Motori, però. Che cavolo, intervistate qualcun altro…! fare un’analisi sulla disaffezione per la lettura citando un c.red. motori è come andare da B a chiedergli un’opinione sulla castità come scelta di vita.

      Per l’insalata, parliamone. 😀

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: