Fanculo ai buoni propositi

Da lunedì dieta! E la befana? Ecco l’inghippo, i buoni propositi si infrangono sempre su scogli di questo genere come polpi imbranati. E io senza dubbio sono uno di quei polpi scemi. Con una barretta di cioccolata, svizzera o del discount poco importa, mi giuro che dalla settimana prossima mi darò una regolata: menzogna e vergogna al latte o alle mandorle. E che dire dei vari “mi troverò un lavoro più soddisfacente”, “dedicherò più tempo a me stessa” o “finirò quel veliero in bottiglia che ho cominciato nel 1983”? Bubbole! Mangerò schifezze, resterò frustrata, non avrò tempo di andare dal parrucchiere fino a che la ricrescita non mi sarà arrivata almeno al punto da farmi assomigliare a Crudelia Demon (e giù a canticchiare), e quel veliero prenderà vita e rotolerà cercando il suicidio come unico modo di realizzare il suo scopo (che è chiaramente darmi sui nervi).

Ma ve l’immaginate voi se vari personaggi, amati o meno, della letteratura l’avessero fatta finita coi loro buoni propositi? Quante storie sarebbero andate diversamente, quanti libri avrebbero avuto finali completamente differenti. “Mi chiamo Ismaele” ad esempio avrebbe potuto, in un universo parallelo in cui vige il divieto di farsi promesse per il futuro, proseguire con “e io e i miei compagni abbiamo assassinato il nostro capitano”. Ve li immaginate voi i membri dell’equipaggio che si ripetevano “ah no, con questo pazzo mai più!”. Dovevano buttarlo a mare, altroché.

E Florentino Ariza, con tutto l’amore del mondo eh, quella volubile di Fermina non la doveva affatto aspettare, si doveva trovare una megagnocca, sposarsela e farci dei figli megagnocchi, possibilmente esibendoli nella villa difronte a quella della suddetta. E poi da vecchi nessun ricongiungimento, ma una pernacchia cumulativa.

E Marquez non cede al viziaccio dei buoni propositi solo ne L’amore ai tempi del colera, basti pensare a Cronaca di una morte annunciata, me lo vedo Santiago che si giura “non darò ascolto alle malelingue”. Sono certo una serie di coincidenze e malintesi a far sì che solo egli non sappia di essere un morto che cammina ma, diciamocelo, se sei avvezzo ad andare a letto con le donne degli altri il minimo che puoi fare e stare all’erta. Entrare nel bar del paese e chiedere “che novità oggi?”. Se non lo fai o sei un incosciente o un ninja e non mi pare in Sudamerica i ninja abbondino.

Spostiamoci di parecchio, più vicini a casa nostra, in Francia per la precisione. Quando la mamma della famiglia Malaussène ha depositato a casa di Benjamin il primo pargolo dicendogli “veditela tu che io mi so innamorata di un altro, torno la prossima volta che sono pregna” Benjamin avrà pensato almeno “le faccio legare le tube”. E invece no, ha rimandato, si era forse segnato la data in cui parlare con la genitrice a cavallo del capodanno ma non aveva fatto i conti col fatto che una gravidanza dura 9 mesi, non 12. E se proprio non voleva legarle le tube personalmente poteva portarla in tribunale, in una bella causa per costringerla a versargli il mantenimento per i fratelli, e lì sì che lei avrebbe pensato seriamente alla contraccezione.

E spesso, diciamocelo, queste nuove versioni di noi che immaginiamo nel futuro non ci assomigliano affatto, se sei un’ingorda maniacale e ti vedi indossare un bikini che più che un vedo-non vedo è un vedo-vedo sei a dir poco sciocca (più di una parolaccia per articolo dubito sia consentita). E se sei gatto mangiati l’uccellino. E invece no, Sepulveda decide di raccontare la storia di un felino che accudisce una gabbianella. Ma siamo seri! E poi lacrime lacrime quando la gabbianella vola via. Lei segue la sua natura, e il gatto che avrebbe dovuto esaurire la trama in un morso.

“Da domani i libri antichi devo maneggiarli coi guanti”, questo credo si sarà detto Adelmo da Otranto, primo morto del celeberrimo e nostrano Il nome della rosa. E quanto scommettete che, come me, aveva il vizietto di mangiarsi le unghie? Di sicuro si sarà detto “da lunedì basta con le cuticole smangiucchiate”. Guglielmo avrebbe dovuto capire tutto già nelle prime ore guardando la pessima manicure del defunto.

E potrei andare avanti per parecchio e fare molti, molti, molti esempi del genere, ma per il nuovo anno mi sono promessa di essere meno logorroica.

I buoni propositi in definitiva riguardano il domani, ma gli uomini conoscono solo l’oggi, il tempo e il futuro sono costruzioni che non esistono in natura (pensate se dopo tanti progetti venissi investita da un pullman di pellegrini diretti a Medjugorje, in tal caso nessuno dei coinvolti starebbe vivendo un futuro che si fosse precedentemente rappresentato come possibile). Eppure appartiene alla nostra natura rimandare, procrastinare (quest’anno voglio fare sfoggio dei termini migliori che conosco) e sperare. Cosa è se non una speranza il domani? Certo “un dì si rasserenerà” ha molte declinazioni, immaginate un po’ se Bukowsky avesse smesso di bere, o se Hemingway avesse cercato un aiuto psicologico, o se gli autori di cui sopra avessero tenuto l’immaginazione a freno dentro i confini della concretezza.

E quindi come spesso accade a chi fa buoni propositi, o scrive libri, contraddico la realtà (e tutto ciò che ho detto finora) e dico: evviva i buoni propositi.

Da lunedì dieta, poi vediamo quale lunedì.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:,

Categorie: diVagazioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

3 commenti su “Fanculo ai buoni propositi”

  1. 9 gennaio 2014 a 16:27 #

    L’ha ribloggato su O C T A G O N.

  2. 14 gennaio 2014 a 10:34 #

    Accidenti: nuda e cruda… ^__^

    • 14 gennaio 2014 a 10:37 #

      Ogni tanto perdo la pazienza persino con me stessa. Ma poi rinsavisco, lo giuro! 🙂

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: