Le parole di un anno: almanacco incompleto delle letture del #2013

In questo periodo di bilanci e consuntivi per tutti, ho provato a calcolare quanti libri leggo in un anno. Lungi dall’eguagliare Nina Sankovitch, la blogger che qualche anno fa si mise in testa di leggere un libro al giorno -riuscendoci, pare – ritengo di leggere tra i 70 e gli 80 libri all’anno, o per meglio dire, almeno 300 pagine a settimana. Rubo gran parte del tempo a tutte le altre attività quotidiane (e moltissimo al sonno!) e sempre con la sensazione che comunque non mi basterà una vita per leggere tutti i libri che vorrei.

Non temete, non intendo elencare qui tutti i libri di quest’anno: ne sceglierò solo uno –in ordine sparso e solo tra quelli che ho amato- per ogni mese, una sorta di almanacco di consigli di lettura e anche un promemoria per me di quest’anno appena trascorso. Perché i libri letti penetrano in noi, nei nostri pensieri, nella nostra fibra più intima, e come i migliori amici si allontanano nel tempo, ma non vanno mai via davvero.

Gennaio: Chiedi alla luna Nathan Filer, Feltrinelli

Un puzzle da ricostruire, una vita da ricomporre tra disagio e dolore: come superare la morte di un fratello down amato, odiato, che muore lasciando sulla sua famiglia un peso insopportabile? Schiacciato dalla colpa di essere il sopravvissuto e dal lutto, il protagonista affonda nella schizofrenia, vi si distende, poi tenta la risalita annaspando verso un equilibrio possibile, tra scivolate e ricadute. Un lungo cammino dall’infanzia distrutta ad un’età adulta complicata. E noi a fare il tifo per Matthew lungo la strada.

Febbraio: Perduti tra le pagine Margherita Oggero, Mondadori

Come ho scritto quando parlavo dei “lettori selvaggi”, secondo me bisognerebbe sguinzagliare i bambini in libreria per incuriosirli ed attirarli alla lettura. E se -più ancora che in libreria- questi bambini incerti e intraprendenti si smarrissero tra gli stand della “madre di tutte le librerie” (italiane, almeno)? Ecco una breve storia da non perdere: tre bambini si lasciano trasportare dal fruscio delle pagine tra gli stand del Salone del Libro di Torino, le vele della immaginazione si gonfiano, gli ormeggi sono mollati e si va… Gli adulti, fuori, si affannano e si disperano ma la fantasia almeno per poche ore non conosce limiti.

Marzo: Il senso di una fine Julian Barnes, Einaudi Barnes

La fine è quando la vita finisce, ma non nel senso della morte, quanto nella cessazione “della probabilità che qualcosa cambi”. È il momento in cui si guarda indietro, ai propri errori e alle convinzioni di aver fatto bene, per poi scoprire che quello che ricordiamo non è quello che è realmente accaduto. Il passato prende sottobraccio un testamento e va a bussare alla porta di chi lo ha archiviato sotto una catasta di vita normale: rivivono nelle pagine di un diario amicizie e amori, idee e inquietudini in embrione. Un romanzo breve e elegante, che scorre troppo in fretta tra le dita; prevedo quindi una rilettura nel 2014.

Aprile: A viso coperto Riccardo Gazzaniga, Einaudi

Caschi e sciarpe tirate su, celerini e ultrà si affrontano a viso coperto: eppure dietro quelle barriere ci sono uomini dalle vite non così divergenti. Nessuno è del tutto innocente, nessuno completamente colpevole: da questo punto si dipanano, tra le vie di Genova ancora ferita dal G8, le storie dei tanti protagonisti in un mosaico dai colori alternati e opposti. Uno sguardo diretto su due fazioni contrarie che si preparano ad uno scontro feroce, che non avrà vinti né vincitori, ma solo perdenti. Il mondo che ruota attorno al calcio come non l’avevo pensato mai.

Maggio: Cattedrale Raymond Carver, Einaudi

Non è mai troppo tardi per incontrare un buon libro: e Cattedrale è molto più di questo. Dodici racconti, la cui perla perfetta è racchiusa nel racconto che dà il titolo alla raccolta: Carver riesce a trattare la calda materia delle emozioni umane con precisione ma senza mai riguardi o eccessiva delicatezza. Ed è attraverso il suo cesellare le parole che un vedente, descrivendo ad un non vedente una cattedrale, scopre di essere molto più cieco e quasi meno fortunato del suo amico. Umanità, umanità infinita.

Giugno: Piccola guerra lampo per radere al suolo la Sicilia Giuseppe Rizzo, Feltrinelli

La Sicilia non esiste. Io lo so perché ci sono nato: con queste parole i protagonisti e lo scrittore dichiarano guerra alla Sicilia dei luoghi comuni, alla Sicilia di Montalbano, a quella del Gattopardo. Aprono il fuoco contro i pidocchi (cioè i mafiosi), contro la collusione e il silenzio, contro la retorica e la rassegnazione. E se pensate che questa guerra si perdente e anche pallosa da leggere, beh, vi sbagliate. Riderete amaro, ma riderete tanto. Un libro ingiustamente passato sotto silenzio (forse perché scomodo?).

Luglio: Apnea Lorenzo Amurri, Fandango

Un tuffo dove l’acqua è più blu, blu profondo: la discesa verso l’inferno e la lenta, dolorosa risalita di un giovane musicista che si ritrova –quando infine riemerge- tetraplegico. Un’esperienza difficile da raccontare e difficile da ascoltare, narrata da una voce roca e interessante: ogni difficoltà, ogni scalino, ogni rinuncia e riconquista sono condivisi tra le righe. Un percorso ad ostacoli che è un po’ anche il nostro, durante e dopo la lettura.

Agosto: Joyland Stephen King, Sperling & Kupfer

Un romanzo di iniziazione dalla lettura veloce, ma non per questo del tutto leggera: iniziando un lavoretto estivo per mettere da parte qualche dollaro uno studente incontra the dark side della vita. Dietro la facciata pacchiana delle luminarie di un parco divertimenti si annida il Male, come quasi sempre accade nei libri di King: e a combattere il Male, volenti o nolenti, c’è sempre una bella fetta di innocenza da perdere e molta maturità da guadagnare. O qualcosa di simile.

Settembre: Sinistri Tersite Rossi, E/O

Dati i presupposti odierni, come sarà l’Italia nel 2023? Manca davvero pochissimo all’ingresso negli anni Venti, e non sembriamo affatto sul punto di diventare un Paese felice e ricomposto. Un nuovo ventennio è forse in agguato? È quello che si immagina in questo romanzo cupo, dove una dittatura tentacolare avvolge ogni aspetto dell’esistenza. Sfuggire, ribellarsi è ancora possibile? Occorre riflettervi fin da ora.

Ottobre: Argento vivo Marco Malvaldi, Sellerio

Di Malvaldi e della mia insana passione per il suo umorismo toscano, per la sua scrittura curata e vivace e per le sue storie mai banali, temo di aver già detto. Quindi non mi dilungo oltre e troverete la mia “personalissima lettura” del suo ultimo romanzo proprio qui: Gocce di perfetto Argento vivo.

Novembre: Lui è tornato Timur Vermes, Bompiani hitler-show_2

“Lui” è Hitler e -sì, non si scherza- è proprio tornato. Pensate sia un romanzo di fantasia? Invece è una descrizione al vetriolo della nostra società, dominata dai mass-media e dalla corsa al successo, vista con gli occhi di un uomo assetato di potere esattamente come sessant’anni prima. Mentre ridete per l’umorismo frizzante e velenoso, sentirete un brivido di paura solleticarvi i pensieri.

Dicembre: L’amica geniale-Storia del nuovo cognome-Storia di chi fugge e di chi resta Elena Ferrante, E/O

Per chiudere in grande bellezza, non un solo libro ma tre, ed un’unica storia, la storia di due amiche e di una città: Lenù, la voce narrante, Lila e Napoli. Sentite le assonanze persino tra i nomi? Voci che si intrecciano, si contrastano e si incontrano nuovamente, in una composizione contrappuntistica di grande vitalità. Una scrittrice misteriosa dalla penna magica e appassionante: pagine che si susseguono e si lasciano consumare, aumentando in chi legge il desiderio di saperne di più e ancora.

E in queste ore residue del 2013 cosa augurare a voi e a me per l’anno che verrà? Incontri con pagine da scoprire e da ricordare, nella vita come nelle letture.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

One Comment su “Le parole di un anno: almanacco incompleto delle letture del #2013”

  1. 4 gennaio 2014 a 13:00 #

    Nel 2013 ho letto 93 libri, per un totale di 21331 pagine. Elenco i 93 libri nell’ ordine in cui li ho letti:

    George V. Higgins, “Cogan”
    Steven C. Lawrence, “La lenta vendetta”
    Lewis B. Patten, “Incidente a Broken Butte”
    Norman A. Fox, “Terra senza legge”
    Lewis B. Patten, “Il cacciatore di uomini”
    Jonathan Stagge, “Dolce, vecchia canzone di morte”
    Theodore V. Olsen, “Gli spietati”
    Jonathan Stagge, “Quelle care figliole”
    Steven C. Lawrence, “Con l’ odio negli occhi”
    Jonathan Stagge, “Se ci sei batti un colpo”
    Don Winslow, “I re del mondo”
    Lewis B. Patten, “Scorre sangue nel fiume”
    Joyce Carol Oates, “La donna del fango”
    Jonathan Stagge, “Tre cerchi rossi”
    Norman A. Fox, “Passaggio di notte”
    Jonathan Stagge, “Scritto fra gli astri”
    Steven C. Lawrence, “Polso di ferro”
    Elmore Leonard, “Mr Paradise”
    Patrick Quentin, “E tutto finirà”
    Elmore Leonard, “Tishomingo blues”
    Patrick Quentin, “Il limite del furore”
    Norman A. Fox, “Il bandito misterioso”
    George Pelecanos, “King Suckerman”
    Tony Hillerman, “Il vento oscuro”
    Elliott Arnold, “Falco bianco”
    Tony Hillerman, “Il canto del nemico”
    Norman A. Fox, “Pista senza uscita”
    Elmore Leonard, “Killshot”
    Theodore V. Olsen, “Il marchio degli Starbuck”
    Elmore Leonard, “Freaky Deaky”
    Chuck Palahniuk, “Soffocare”
    Stephen King, “Joyland”
    Patrick Quentin, “Prima che il temporale finisca”
    William Hopson, “Il giovane apache”
    Patrick Quentin, “Troppe lettere per Grace”
    William R. Burnett, “Mi amigo”
    William R. Burnett, “Il nido dell’ aquila”
    Walter Mosley, “Un bacio alla cannella”
    Stephen King, “Christine la macchina infernale”
    Walter Mosley, “Farfalla bianca”
    James Crumley, “Il caso sbagliato”
    James Lee Burke, “Ultima corsa per Elysian Fields”
    Lewis B. Patten, “La patacca di latta”
    William R. Burnett, “Sul sentiero di guerra”
    Lewis B. Patten, “Imboscata sul Soda Creek”
    William Hopson, “Montana”
    Robert J. Steelman, “Volpe-che-danza”
    Stephen King, “22/11/’63″
    Stephen King, “The Dome”
    James Lee Burke, “La palude dell’ odio”
    William Hopson, “L’ implacabile Cogin”
    Lewis B. Patten, “Sei modi per morire”
    William Hopson, “Il vaquero sorridente”
    Yasmina Khadra, “Morituri”
    James Morrow, “Il ribelle di Veritas”
    Lewis B. Patten, “La città arrabbiata”
    William Hopson, “Un tipo tranquillo”
    Keith Thomson, “Spia per sempre”
    Michael Hornburg, “La cenere degli angeli”
    Stephen King, “Ossessione”
    Stephen King, “Carrie”
    Richard Stark, “Anonima carogne”
    Richard Stark, “Fatti sotto, Parker!”
    David Grossman, “Che tu sia per me il coltello”
    Paul Doherty, “Alessandro Magno e le porte degli Inferi”
    Robert J. Steelman, “Ritratto di un sioux”
    Steven C. Lawrence, “Il segno dei comanche”
    Walter Mosley, “Senzapaura Jones”
    Lewis B. Patten, “Rinnegata”
    Richard Stark, “La notte brava di Parker”
    William R. Burnett, “Eravamo amici”
    Tony Hillerman, “Il popolo delle tenebre”
    James Lee Burke, “L’ occhio del ciclone”
    James Crumley, “L’ ultimo vero bacio”
    Lewis B. Patten, “Nelle mani di Geronimo”
    Patrick Quentin, “Omicidio di gala”
    Joe R. Lansdale, “Sotto un cielo cremisi”
    Robert J. Steelman, “Il ragazzo del sole”
    Tonino Benacquista, “Malavita”
    Patrick Quentin, “Un velo sul passato”
    Lewis B. Patten, “Ballata del West”
    James Lee Burke, “Terra violenta”
    George V. Higgins, “Gli amici di Eddie Coyle”
    Robert McLeod, “Rivolta disarmata”
    James Lee Burke, “Piccola notte cajun”
    Patrick Quentin, “Il segreto della morte”
    Stephen King, “Le notti di Salem”
    Stephen King, “Buick 8″
    Lewis B. Patten, “Quell’ arnese di ferro”
    Robert J. Steelman, “La lunga corsa sullo Yellowstone”
    Richard Stark, “Parker e i diamanti neri”
    Carmine Abate, “Il bacio del pane”
    Lewis B. Patten, “La buona pistola”

    I libri che ho letto con più piacere sono:

    Norman A. Fox, “Passaggio di notte”
    William R. Burnett, “Il nido dell’ aquila”
    Lewis B. Patten, “Rinnegata”
    James Crumley, “L’ ultimo vero bacio”

    Te li raccomando ad occhi chiusi tutti e 4.
    Per quanto riguarda Joyland, é praticamente un libro spaccato in 2. Per due terzi della sua durata King si concentra su aspetti collaterali al tema principale (la delusione amorosa del protagonista, le amicizie che stringe, il suo calarsi nei panni della mascotte eccetera), e soltanto alla fine mette da parte queste sottotrame per arrivare al nocciolo della questione.
    Il bello é che a me sono piaciute più le sottotrame del tema principale: con questo romanzo King ha dato prova di saper scrivere non soltanto scene horror, ma anche scene di vita quotidiana. E questi “slice of life moments” nella loro apparente banalità sono in realtà interessantissimi, perché fanno emergere il carattere dei personaggi, i sentimenti che li legano tra loro, le loro fragilità e i loro punti di forza… Joyland in questo é un romanzo straordinario.
    Visto che abbiamo dei gusti letterari in comune, spero che questo mio post (in cui parlo anche di Stephen King) ti dia degli spunti per le tue letture future: http://wwayne.wordpress.com/2013/08/24/la-fine-di-un-altra-era/. : )

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: