Topo sarai tu!

Ci sono delle mattine in cui non mi sveglio storta, il che dovrebbe segnalarvi che in generale sono difficile al buonumore gratuito. Sì, sono ancora viva, e ne sono moderatamente soddisfatta, ma nulla di più. Quando il mio stato d’animo è questo sono davvero poco, pochissimo, quasi niente tollerante. Simpatia come se piovesse: il vostro personalissimo dito in un occhio. Ma tant’è “Il destino è quel che è, non c’è scampo più per me!”, dicevano in uno dei miei film preferiti (ma come, non hai visto Frankestein Junior?, allora sei scemo? piccolo esempio della mia verve di questo momento). Chiaramente mi becco spesse volte gli insulti del mio compagno e, il nostro risveglio, assomiglia a quelli del Mulino Bianco come Maga Magò ad Heidi Klum. E poi esco nel mondo, a lanciare anatemi su conoscenti e sconosciuti, ma non sono proprio pazza, faranno pur qualcosa questi esseri per farmi arrabbiare. Mi tagliano la strada in auto, mi superano in una fila alla posta (che diciamocelo equivale ad una dichiarazione di guerra, e io non mi tiro indietro), mi dicono “ah, stai leggendo/hai letto/leggerai beata te che hai tempo”. Eh NO, nononono, e pure no! Tante volte posso pure non rispondere, ma in mattine come queste NO. Ve ne suggerisco alcune di queste sortite da pazza, ma se siete dei lettori non potrete biasimarmi.

1) Sì, leggo tanto, cerco nei libri nuovi modi di uccidere (occhio da pazza), mi affascinano. Sai c’è chi lecca  involontariamente veleno dai testi che legge (Il nome della rosa di Eco), chi “ingrassa” giovani donne rese calve per portar via loro il profumo (Il profumo di Suskind), chi viene addirittura ucciso da un primate (no, non ce l’ho con te) agile e fortissimo (I delitti della rue Morgue di E. A. Poe). Vuoi vedere che trovo ispirazione? (questo aggiungetelo abbassando il tono di voce e se riuscite a renderla roca ancora meglio)

2) Sì, conosco nella realtà solo stupidi, almeno nei libri sono io a scegliere chi debba rubarmi del tempo con le sue castronerie (fissate l’interlocutore). Ai vicini dementi, agli amici cretini e ai parenti invadenti preferisco Sherlock Holmes, le zie di Wodehouse o l’indomita Teresa Batista. Ma pure Topo Gigio è meglio di tanti.

3) Voglio scappare con la testa in un mondo che sia meno di merda di questo (se l’interlocutore è consigliere comunale ridacchiategli pure sul muso). Imparagonabili tanto le utopie quanto le distopie, meglio persino uno dei mondi paralleli di King purché non ci sia “certa gente” (e ammiccate, ammiccate da morire, come se aveste il tic peggiore mai visto in natura)

Non sono un topo da biblioteca, tra me e Firmino c’è parecchia differenza, sono una che alla tv e ai tempi morti preferisce un libro, quando vedo gente in metropolitana che conta i peli del naso ai vicini di carrozza mi chiedo “ma non potevi portarti un libro?”. Ecco, non ho più tempo di altri, solo lo investo diversamente e, se proprio non vorrete credermi, se continuerete a insistere dicendo che faccio squit, allora veniamoci incontro: non sono un topolino ma una pantegana dei navigli. Forza, ditemi ancora “beata te” stamattina.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:,

Categorie: diVagazioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: