Vita da editrice – Elvira Sellerio

Di lei, della sua scelta di fare editoria di qualità in Sicilia, per riscoprire la “cultura amena”, Sciascia diceva citando Borgese che un ottimista è un avventuriero. Ed Elvira era ottimista, quando affidò proprio al suo amico la collana La Memoria che doveva lanciare la casa editrice.

E anche molto avventuriera, come si è dimostrata nelle scelte editoriali che hanno puntato sulla sicilianità fuori dagli schemi di molti suoi autori – oltre allo stesso Sciascia, Andrea Camilleri e Gesualdo Bufalino, Giuseppe Bonaviri e Vincenzo Consolo- senza lasciare che questa diventasse una prigione, un regionalismo.

E autentica “perché chi non è autentico non si diverte”.

E anche, secondo le sue stesse parole, una lettrice comune.

Basterebbero queste poche definizioni a dipingere il ritratto di Elvira Giorgianni Sellerio, nata a Palermo nel maggio del 1936, ed insieme abbozzare anche quello della casa editrice da lei e dal marito Enzo fondata nel 1969.

Ma Elvira era anche orgogliosa, sensibile, volitiva e accentratrice, appassionata di monili e di oggetti artigianali antichi, e detestava di cuore i computer e la tecnologia. Amava lavorare in una redazione tutta al femminile, ma aveva pochi fidatissimi consiglieri maschi come Leonardo Sciascia e, anni dopo, Salvatore Silvano Nigro.

In una sola sua frase, il senso della scelta di aprire una casa editrice in Sicilia, fuori dei grandi circuiti editoriali:

Io faccio libri e lavoro per cambiare la coscienza.

L’aspetto estetico del libro, che è poi diventato il primo immediato documento di identità della casa editrice, fu curato dallo stesso Enzo Sellerio: i piccoli libri blu, raffinati e preziosi per qualità ed impaginazione, veri tascabili ma di grande pregio, per un lungo periodo iniziale furono limitati (e chiedo venia per l’aggettivo) ad una produzione ristretta e di altissima qualità, quasi per soli intenditori. Solo nel 1978, grazie alla pubblicazione di L’affaire Moro di Leonardo Sciascia la giovanissima casa editrice e la sua schiva e granitica first lady ottennero il primo vero riconoscimento nazionale: questo portò ad una svolta quantitativa, pur conservando l’interesse per la qualità, le radici artigianali e la ricerca di un prodotto accurato ma economico:

L’errore è credere che un libro sia per pochi: il libro è un diritto per tutti. Le librerie dovrebbero essere frequenti quanto le panetterie; infatti è importante aprire in provincia, favorire la diffusione del libro.

In tutte le sue scelte, Elvira Sellerio non sembra puntare al successo, al best-seller, anzi: “io pubblico libri come se li prestassi” rende bene l’idea dello spirito quasi temerario e rischioso, voltairiano e indipendente, della signora. Non cedere mai se non si è convinti della qualità di un libro, non ricercare l’eccesso, non puntare alla vendibilità, sono i fili conduttori delle sue selezioni. Ma vi è anche una valutazione politica e la consapevolezza della necessità di diffondere la lettura come mezzo per migliorare il singolo e la società:

“La lettura dev’essere un’abitudine, una consuetudine.[…] Borges dice chi non legge è un masochista.”

Appassionata di letteratura di ogni origine, Elvira Sellerio aveva una predilezione per i testi del ‘700 francese, per la letteratura ispanica anticolonialista, i grandi mistici e i polizieschi anglosassoni, favole alla Borges e manuali del Rinascimento. Con grande scrupolosità affermava di leggere tutti i manoscritti di narrativa (ma non i saggi!) e di sceglierli secondo il suo personale gusto, anche contro l’opinione dei suoi “consiglieri”. Leggere era il suo mestiere, la sua passione:

“Io considero il mio lavoro una grande fortuna, è una gioia grandissima riuscire a dividere con altri il piacere della lettura. Certo, è difficile dividere in categorie i libri: i libri si scelgono in base all’utilità e al piacere che può ricavarne un lettore.

[…] Gli editori non dovrebbero scrivere, solo leggere. O, se mai, scrivere in segreto.”

Laureata in giurisprudenza, la signora Sellerio negli anni ha ricevuto una laurea in Lettere honoris causa, un Cavalierato del Lavoro ed è anche stata nel Consiglio di Amministrazione della RAI. È morta nell’agosto del 2010, a 74 anni.

Tuttavia, nel cuore dei lettori, Elvira Sellerio resta la grande dame della piccola editoria, la siciliana che ha fortemente voluto regalare ad ognuno di noi, almeno una volta, la felicità in forma tascabile, racchiusa in una vellutata copertina blu scuro.

Le frasi tra virgolette sono estrapolate dall’intervista di Antonietta Meda, trasmessa dalla Radiotelevisione Svizzera, nel gennaio 1993.


firma FS5bis

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

Categorie: diRitratti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Il colore della lettura: le copertine dei libri come segni di identità | diLetti e riLetti - 18 dicembre 2013

    […] minimo, l’occhio artistico del fotografo e cofondatore Enzo Sellerio si unisce alla volontà di Elvira Giorgianni di fare del libro “un diritto per […]

  2. Le meravigliose eccezioni: Una marina di libri a Palermo | diLetti e riLetti - 11 luglio 2014

    […] Elvira Giorgianni, fondatrice della […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: