I 10 libri della #decadenza: 27 novembre 2013

Non so perché ma ritengo che il mio pensiero sulla decadenza -non devo aggiungere a cosa mi riferisco- sia già palese. Temo cambierà troppo poco, temo colpi di coda, temo che continueremo ancora a d occuparci di “lui” e non del Paese, quello sì in fase di decadenza.

È vero, in questo blog io non mi occupo  di politica, bensì di libri. Ma siamo sicuri che le due cose non abbiamo tra loro alcune connessioni? Io penso di sì. Penso che chi legge sia in grado di guardare alla realtà con un diverso spirito critico, e credo pure che alcuni consigli di lettura possano essere molto più utili di qualunque mio pistolotto. Non libri che siano saggi, letture critiche o trattati di storia: semplici e deflagranti letture.

1) Come non iniziare con Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa? Il libro che consacrò uno scrittore in ritardo rispetto alla sua vita terrena, ma non rispetto alla storia. Resta di un’attualità sconcertante, tanto da chiedersi se vi fu più lungimiranza nella mano che lo vergò o più immobilismo da parte nostra.

2) Immancabile Il ritratto di Dorian Grey di Oscar Wilde, la ricerca della giovinezza e l’abbrutimento interiore corrono di pari passo, estetica ed etica si separano e si fanno alieni l’uno all’altro. Non vi è bellezza dove essa è solo apparenza.

3) 1984 di George Orwell vi potrà sembrare azzardato, e forse voi avreste scelto La fattoria degli animali dello stesso autore; tuttavia, questo testo, che io ho sempre trovato oltremodo angosciante, mi sembra più rispondente e utile all’occasione. Non aggiungerò altro, salvo il fatto che l’angoscia mi deriva dalla estrema plausibilità della storia narrata.

4) Giulio Cesare di William Shakespeare, questo più che altro per un mio vezzo d’immaginarlo mentre al delfino mai promosso dice “Quoque tu, Angelino”.

5) Resistere non serve a niente di Walter Siti, che racconta la bruttura e le collusioni di un certo ambiente e un certo modo della finanza e della politica di arraffare, prendere, distruggere e distruggersi.

6) I vestiti nuovi dell’imperatore, fiaba di Hans Christian Andersen. Basta a tal proposito solo aggiungere che quando la barca affonda i topi non restano a far compagnia al capitano.

7) Cose preziose di Stephen King. Qui tutto ha un prezzo, tutto si vende, onore, integrità innocenza. Insomma, cosa potrebbe indicare una decadenza maggiore di un intero paese (e non parlo solo di Castle Rock) disposto a vendere la propria anima?

8) Al Capone. La vita e il mondo del re dei gangster di John Kobler. Al, dopo anni di indagini, fu arrestato e condannato a undici anni di carcere per evasione fiscale. Eh… il collegamento è sin troppo facile.

9) I Buddenbrook di Thomas Mann. Decadenza di una famiglia, recita il sottotitolo, dove il declino è dapprima morale, psicologico, e infine mentale e fisico.

10) Il paese che amo di Simone Sarasso. Questo libro necessiterebbe d’una categoria a parte, una crasi tra fiction e storia; Mauro Fedele non è altri che “lui”, e il Paese che Sarasso ama è il nostro. Entrambi in piena decadenza, appunto.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

 

Annunci

Tag:, , , , , , , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: