Vita da editore – Neri Pozza

A 25 anni oggi dalla sua morte, mi sento di inaugurare la serie delle biografie brevi dedicate agli editori italiani di rilievo con Neri Pozza, critico letterario e editore vicentino.

§§§

Quando leggiamo il suo nome, vuol dire che abbiamo tra le mani bei volumi di narrativa italiana o straniera, saggi corposi o un “cammello” carico di libri di viaggio.

Ma prima di iniziare l’avventura editoriale che ancora oggi incarna le sue idee era un giovanotto dai molti talenti: nato a Vicenza il 5 agosto 1912, appassionato d’arte e di scrittura, Neri Pozza, lasciando gli studi prima di ottenere la licenza, si dedica alla scultura come suo padre e poi alla poesia. Sostenitore della repubblica, Neri si avvicina con altri intellettuali vicentini all’opposizione, motivo per cui è tenuto d’occhio dalla polizia fascista. Per iniziare, partecipa alla fondazione delle Edizioni dell’Asino Volante, il cui nome è già uno sberleffo all’autorità, che pubblicano subito le poesie di Antonio Barolini, giornalista e poeta vicentino; per queste sue attività, Neri viene due volte incarcerato per sospetta attività antifascista. Dopo l’8 settembre 1943, entra nella Resistenza vicentina vicino al Partito d’Azione. Dalla sua esperienza di partigiano trarrà in seguito il libro “La prigione e altri versi”, una breve intensa raccolta poetica pubblicata solo negli anni Sessanta.

Con la Liberazione il suo impegno civile, laico e repubblicano, non si affievolisce: partecipa in modo attivo alla vita della sua città natale rappresentando il PRI nel consiglio comunale. Ma il suo sogno più grande nasce proprio dall’amore per la scrittura: smette di comporre poesie e, con la determinazione che tutti gli riconoscono come tratto distintivo, si dedica alla creazione della casa editrice oggi famosa col suo nome, nata a Venezia nel 1946. Pubblica opere dedicate alla Resistenza e alla battaglia antifascista , ma anche André Gide e William Austin, Cardarelli e Montale, Gadda, Luzi, Buzzati, Parise; tra i saggisti si assicura la collaborazione di Carlo Ludovico Ragghianti, Concetto Marchesi e Emilio Cecchi: nel giro di pochi anni la Neri Pozza diventa una casa editrice dal catalogo deciso come il carattere del suo fondatore. Critico, polemico, esigente e lucido, così lo descrivono i suoi contemporanei: libero da condizionamenti e dal carattere difficile, Neri Pozza rappresenta la figura dell’intellettuale calato nel concreto e pronto ad agire nella vita sociale e politica senza timore delle conseguenze.

Nel 1970 il suo romanzo “Processo per eresia”, ambientato nel Veneto del XVI secolo, vince il Premio selezione Campiello, Nel 1975 pubblica “Commedia famigliare”, cui fanno seguito “Le storie veneziane” e “Una città per la vita”. Ma il suo lavoro più imponente è senz’altro la biografia del Tiziano, ritratto di un uomo e di un’epoca filtrato dalla sua conoscenza e dal suo grande amore per l’arte.

Negli anni 80, dopo trent’anni di impegno civile, lascia la politica e si concentra unicamente sulla casa editrice (arricchitasi nel frattempo di una collana dedicata alla letteratura americana che debutta con nomi come Whitman, James, Melville) e sull’arte contemporanea, di cui è diventato negli anni esperto collezionista.

Muore il 6 novembre 1988, lasciando alla città di Vicenza la sua raccolta di opere d’arte, oggi ospitata alla Pinacoteca di Palazzo Chiericati.

 

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Categorie: diRitratti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: