Leggere non sopporta imperativi, ma tu leggi!

Il verbo leggere non sopporta l’imperativo, avversione che condivide con alcuni altri verbi: il verbo “amare”… il verbo “sognare”… Naturalmente si può sempre provare. Dai, forza: “Amami!” “Sogna!” “Leggi!” “Leggi! Ma insomma, leggi diamine, ti ordino di leggere!” “Sali in camera tua e leggi”” Risultato? Niente.

Come non essere d’accordo con questa frase di Daniel Pennac? Non si può, eppure… eppure i dati sulla lettura sono sconfortanti, tutti scrivono, nessuno legge. Verrebbe voglia di scendere per strada con un megafono e urlare a pieni polmoni: Leggete, tutti!

Non so bene a che tipo di conseguenze andrei incontro, ma dubito che scamperei a un TSO e poi pare, ma non è detto che in seguito a un esaurimento io non ci provi, che non porti risultati. Tuffarsi tra le pagine fa bene, aiuta e non mi riferisco all’ovvia beatitudine capace di ricavare da un libro ben scritto, no, io parlo di altro. Leggere non tollera imperativi, ma qualche ottativo magari sì.

  • Un recente studio norvegese nell’ambito della ricerca Health in Every Word, seguito da un articolo apparso sullo Science Daily, ha dimostrato che leggere fa bene alla salute, letteralmente. Chi legge infatti ha maggiori capacità di ricezione e interpretazione di informazioni sul proprio benessere e sulla prevenzione.
  •  Un team di neurobiologi, con a capo Natalie Phillips, ha condotto un  esperimento presso l’Università di Stanford. L’esperimento in questione consisteva nel monitorare l’attività cerebrale di un gruppo di studenti mentre questi erano impegnati nella lettura di un romanzo di Jane Austen. Risultato? La risonanza magnetica, alla quale erano sottoposti, ha dimostrato un maggiore afflusso di sangue al cervello, precisamente a quella parte dedicata alle operazioni che richiedono maggiore attenzione  e coordinazione. Leggere dunque non solo rilassa, ma allena il nostro organo più importante.
  • Non leggete solo per voi stessi, leggete ad alta voce ai vostri bambini. Questa attività stimola i neuroni dei bambini (quei nuovi neuroni che, se non sollecitati, finiscono per morire). In questo modo diminuisce il rischio che i pargoli, pargoli felici, diventino adolescenti aggressivi. Leggere infatti ai piccoli in età prescolare diminuisce le possibilità che questi sviluppino poi comportamenti anti-sociali. Parola di pediatra.
  • Sì è stabilita una relazione, un algoritmo, che svela una connessione tra lettura e delinquenza. Non vuol certo dire che chi non legge è un criminale, ma significa senz’altro che chi legge ha meno possibilità di diventarlo in futuro, così come ricordava Neil Gaiman.
  • Chi non legge ignora, ed è per questo più facilmente malleabile e influenzabile. La recente storia politica del nostro paese non ne è forse una prova? Consentiamo a una massa di ladri con un bagaglio culturale non dissimile da quello d’un asino di saccheggiare e deturpare, ingannarci e depauperarci del futuro. Chi legge resiste, chi legge conosce, chi legge si oppone.

E se tutto questo non basta, se non basta il potere immaginifico delle parole, la magia di un testo bello e di una trama che rapisce, se non è sufficiente l’ampliamento di mente e vocabolario, se non basta il semplice piacere ricavabile da una lettura, che fare?

Torniamo ai bambini, è da lì che dobbiamo partire. E torniamo a questa classe dirigente che corre sul posto senza avanzare: è il potere che ci vuole dimessi e nulla sapienti. E noi allora diveniamo partigiani, brandiamo i classici e spingiamo gli emergenti.

Leggere non tollera imperativi è vero, ma lo stato di cose non tollera ignavia. Non smettete di tentare di convertire qualcuno a questa attività, fatevi dare del pedante (tanto leggete, ergo lo pensano lo stesso).  A nessuno può imporsi, ma a tutti può consigliarsi. Diventate militanti della parola scritta.

Ricordate che altrimenti Dante vi sputerà api nelle terga, e voi lo sapete, chi non legge no.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:,

Categorie: diVagazioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

5 commenti su “Leggere non sopporta imperativi, ma tu leggi!”

  1. 6 novembre 2013 a 13:38 #

    Bellissimo manifesto!
    Io mi sento spesso dare della snob (oddio, un po’ la sono…) quando faccio notare che, sì, è così, leggere rende migliori. O almeno più empatici ed efficienti, ecco.
    Che facesse bene alla salute però non lo sapevo. Mi sento già più longeva xD

    • 6 novembre 2013 a 14:02 #

      Corriamo il rischio di battere Matusalemme, se continuiamo così. Comunque, anche più semplicemente, mantenere cervello e cuore in allenamento non può far altro che bene…e Mr Darcy è senz’altro più affascinante del sudoku… 😀

  2. 6 novembre 2013 a 19:47 #

    Ci provo anche io, ma senza diventare insistente, proprio per far vedere che grazie alla lettura sono anche più tollerante verso le differenze. Ogni tanto la soddisfazione di sentirmi dire da qualcuno “ho letto il libro che mi avevi consigliato” l’ho avuta, e mi sono sentito gonfio e tronfio 😀

  3. Zelda
    7 novembre 2013 a 19:08 #

    Scusa se mi permetto, premettendo che sono d’accordo su tutto, vorrei solo precisare che i risultati dell’esperimento sono un po’ diversi e più complessi.
    Cioè, quello che dici è giusto, ma non è il punto focale dello studio.
    (Nessun neurologo si stupirebbe del fatto che durante un’ operazione cognitiva, come quella della lettura, il flusso di sangue al cervello aumenti. Sarebbe come stupirsi dell’ aumento dell’ afflusso sanguigno al compartimento muscolare durante un esercizio fisico.)

    Lo studio ha rilevato differenze nell’attivazione cerebrale a seconda di COME si legge,
    in particolare fra lettura superficiale (casual reading) e lettura “concentrata”, cioè come quando si legge per studiare (focused).
    Insomma, pare che nella focused reading si attivino delle aree cerebrali che non sono normalmente coinvolte nei processi cognitivi, in particolare l’area del tatto e le aree del movimento.
    Praticamente ognuno di noi si immerge a tal punto nella storia da partecipare fisicamente: se il personaggio corre, tu corri, se nuota, nuoti anche tu.
    Non è bellissimo?

    Ripeto, scusa per la precisazione, non voglio fare la rompiballe saccente.
    E’ solo che mi sembra una cosa splendida.

    • 7 novembre 2013 a 20:34 #

      Cara Zelda, scusarti di cosa? Ho apprezzato moltissimo il tuo commento e la tua integrazione al mio articolo, forse non abbastanza esaustivo, hai ragione, per ragione di spazio. Spero anzi che ti sentirai libera di commentare (giuro io mai ti darò della rompiballe) ogni qual volta vorrai condividere qualcosa di così interessante.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: