Che pasticcio, Mrs Rowling!

Vi voglio raccontare una storia, ma stavolta partirò dal finale: è appena uscito in Italia Il richiamo del cuculo di J. K. Rowling (ed. Salani). E fin qui, nulla di strano, ma permettetemi di fare qualche passo indietro.

  1. Joanne Rowling è una scrittrice esordiente che vuole pubblicare una serie di romanzi ambientati in una scuola di magia. Poiché non viene presa troppo in considerazione in quanto femmina e le femmine, si sa, non scrivono fantasy (pare infatti che Il Signore degli Anelli sia stato scritto con il pene) ricorre allo stratagemma di aggiungere un’iniziale al suo nome, facendosi passare per maschietto. Miracolosamente, i suoi libri non solo vengono considerati degni di pubblicazione ma fanno di Joanne, ormai conosciuta come J. K. Rowling, la donna più ricca del Regno Unito.
  2. Joanne però –ben pagata ma non paga-  decide di dimostrare al mondo che è capace di vergare ben altri capolavori oltre il genere nel quale è rinchiusa. Si sa, le gabbie pur dorate, non piacciono a nessuno. Pubblica quindi Il seggio vacante, che ottiene tiepidissimi riscontri, anche perché la maggior parte delle vendite è merito dei suoi potteriani di ferro che, costretti in quel di Pagford, accusano il lutto dell’immaginifica Hogwarts.
  3. Ora, penserete che la signora abbia avuto soddisfazione. Ebbene, vi sbagliate: nel terzo capitolo della saga editoriale della Rowling, si assiste ad un ennesimo colpo di scena. La scrittrice, desiderosa di ulteriormente provare le sue qualità letterarie anche oltre la propria famosa firma, decide di pubblicare un giallo sotto mentite spoglie. Chiariamo, non è il primo caso al mondo, gli pseudonimi in letteratura sono ampiamente usati (ricordiamo fra gli altri la Christie o King). Tuttavia mi pongo una domanda: perché una donna che ha tanto faticato a far riconoscere il suo talento in quanto tale decide di usare nuovamente uno pseudonimo maschile? Il richiamo del cuculo è uscito infatti nel Regno Unito a firma di Robert Galbraith, durante la primavera scorsa.  E sia, passiamo anche su questa scelta: Joanne afferma di aver voluto provare l’ebbrezza dell’incognita totale indossando nuovamente i pantaloni. A me però viene da pensare che –nonostante il fulgido esempio di Lady Agatha – anche nel caso dei gialli sia preferito un autore baffuto. Mah, sarà.
  4. Siamo così giunti al capitolo finale (ebbene sì, la storia continua). Il gran desiderio di anonimato della Rowling è stato direttamente proporzionale alle vendite del romanzo: infatti –dopo neanche tre mesi dall’uscita in libreria e a sole 1500 copie vendute- ta-taaan! ecco l’outing improvviso. Mrs Rowling confessa a una giornalista del Sunday Times (e non sotto tortura, ma piuttosto di buon grado) di essere la vera autrice del libro. Come in tutte le fiabe che si rispettino –oh meraviglia- le vendite su Amazon schizzano in alto nel giro di poche ore dalla rivelazione.

Tutti contenti? editore, scrittrice e giornalista con lo scoop di certo. A me restano le   perplessità che ho esposto e una sola certezza: Mrs Rowling è il primo caso mondiale di scrittura transgender a corrente alternata.

 

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

One Comment su “Che pasticcio, Mrs Rowling!”

  1. 5 novembre 2013 a 17:33 #

    Forse siamo tanto abituati storicamente a concepire i grandi scrittori tutti maschietti, che ci diventa difficile poter accettarne anche nel gentil sesso.
    Comunque, sono sincero: anche a me è successo di comprare a scatola chiusa libri, ma solo di scrittori, mai di scrittrici. Ma non saprei dirti il vero motivo

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: