Incontri in libreria (come ad un cocktail party)

Lo confesso pubblicamente: ho un ebook reader. I motivi di questo tradimento nei confronti della carta stampata e rilegata sono molteplici, e non è il caso di approfondirli. Tuttavia, se la mettiamo sul piano della scappatella, il cartaceo è il mio vero amore, il resto è solo sesso.

Ed è anche superfluo dirvi quanto mi piaccia entrare in libreria e quanto mi dia piacere sfogliare-toccare-odorare i libri. Quindi vi parlerò di un aspetto diverso, molto soggettivo, che riguarda il mio rapporto con loro, e cioè l’impressione di conoscerli “a prescindere” (come direbbe il principe De Curtis). E per tale ragione, per questa aprioristica sensazione di intimità, della mia tendenza a suddividerli in categorie, aggirandomi tra loro come un invitato maldestro e un po’ maligno ad un cocktail party. L’ordine è (quasi) del tutto casuale.

I libri che devo leggere (ovvero la certezza che mi spinge ad entrare: in pratica quelli che finiscono tra braccio e costole per il resto del giro)

I libri che non ho letto (la curiosità che mi sprona a continuare, toccare, spilluzzicare qua e là)

I libri che so benissimo che dovrei aver letto e che quindi mi fanno vergognare di non averlo fatto (alcuni russi, per esempio: se li incontro, distolgo colpevole lo sguardo)

I libri che non voglio assolutamente leggere (e sono tanti, e neanche gratis).

I libri che mi hanno regalato e devo ancora capire perché proprio a me (qui ne avrei di esempi, ma taccio per non farmi riconoscere dai generosi “regalanti”)

I libri scritti per altri scopi che la lettura (ehm…comunque ottimi per il tavolino che traballa o per il découpage)

I libri letti senza neanche aprirli perché appartengono alla categoria dei libri letti già prima di essere scritti (ovvero la noia della certezza della noia)

I libri che se avessi più di una vita certamente leggerei, ma sfortunatamente i miei giorni sono contati (su, in fila, mettetevi in fila. No, TU dietro…)

I libri che ho serie intenzioni di leggere, ma ce ne sono altri che devo leggere prima (cioè quelli che passano dietro nella fila suddetta, ma non del tutto dietro. Diciamo in speranzosa attesa di un sorpasso).

I libri in brossura che aspetto che arrivino sulle bancarelle (eh…!)

I libri in brossura che aspetto escano in economica (doppio eh…!)

I libri che posso prendere in prestito da qualcuno, se mai (se mai? diciamo pure MAI…)

I libri che tutti leggono e quindi è come se li avessi letti pure io (malattia diffusissima, quasi endemica tra gli addicted)

I libri di cui parlano così bene che se li leggo sono certa mi deluderanno (ne ho letto uno quest’estate che…no, non avrei dovuto cedere)

I libri che ho in programma di leggere da millenni (vedasi la fila formata sopra)

I libri che cerco da anni senza trovarli (anche perché entrando in libreria ne vedo altri che mi chiamano e…)

I libri che trattano argomenti su cui sto lavorando in questo periodo (da sfogliare e rimettere a posto prima di subito. Un pizzico di condiscendenza è consentito)

I libri che voglio avere solo per tenerli sottomano nel caso in cui… (detti anche gli inutilissimi indispensabili)

I libri che potrei mettere da parte per quest’estate (ma davvero penso di resistere sei mesi senza aprirli? e davvero mi credete?)

I libri che devo avere perché stanno bene sugli scaffali con gli altri libri (collane, rilegature artistiche, dorature e via decorando)

I libri che mi riempiono di un’improvvisa inesplicabile ingiustificata irrefrenabile curiosità (e per questo insano impulso finiscono per esser acquistati e letti nel giro di una notte di passione, senza rispettare alcun ordine o categoria. Quindi decisamente i migliori).

I libri che sono tuoi ancora prima di averli letti (quella maniacale e assurda certezza che l’autore li abbia scritti per te, solo per te!)

 

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Le dieci banalità da dire sui libri mai finiti | diLetti e riLetti - 4 novembre 2013

    […] blogger e redattori, ho stilato una lista di dieci libri che, a vario titolo rientrano tra i “mi vergogno di non averlo letto e quindi non te lo dico” ( potete aggiungerci una pernacchia se lo gradite) e relative frasi di […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: