La Giornata mondiale dei Blogger Letterari

Oggi, 24 ottobre 2013, è la prima giornata mondiale del Blogger Letterario, con il patrocinio della Commissione Europea, dell’UNESCO, del WWF e della LMDNG (Lega Mondiale in Difesa dei Nani da Giardino).

Vi è venuto il dubbio e siete andati a controllare su Google, vero? È una frottola, chiaramente, ma visto che c’è una giornata mondiale per tutto, mi sono detta, perché non questa? Ebbene, una bella giornata con foto shock di commenti offensivi, insulti e testimonianze della nostra assoluta incompetenza ci starebbe proprio bene.

Ve lo sarete chiesti mille volte, come me: chi me lo fa fare? Non siamo critici, ce lo ricordano spesso, eppure come lettori dovremmo avere il diritto di esprimerci. Già, lettori: un blogger letterario che si rispetti è un lettore forte, che si cura di non basarsi su comunicati stampa, ma di leggere sul serio il capolavoro o la schifezza, a seconda dell’occasione (e diciamolo, i capolavori di recente latitano). Questo non è un titolo sufficiente per esprimere la propria opinione? Sì, ma solo se positiva: guai a giudicare in modo negativo lo scritto di chicchessia. L’autore vi distruggerà dicendo che non avete colto la finezza della sua opera, che altri –ben più blasonati di voi- hanno trovato la sua opera eccezionale e che i lettori non vedono l’ora di finirla (i lettori in realtà vorrebbero farla finita con il libro e col suo autore, ma voi questo non potete dirlo).

Ma insomma, si va avanti.

Mi raccomando poi il massimo rispetto per ogni casa editrice, che non è detto però vi riservi la stessa delicata premura. Voi state giocando a fare i giornalisti/scrittori, no? La gamma di risposte dalle case editrici va dalla condiscendenza all’acredine fino all’indifferenza più totale.

E sia, si sopravvive anche a questo.

E guai a parlare di vile denaro, scrivere non è una professione, ma un vezzo, al più un hobby. E il vostro codice deontologico, quello che vi impedisce di prendere un solo soldo – non che qualcuno faccia la fila per darvene- per recensire qualcosa è ripagato ampiamente dal fatto che tutti pensino il contrario (sia in caso di recensione negativa sia in caso di recensione positiva, in maniera equanime). E in più, non provate neppure a chiedere una copia omaggio in virtù del fatto che la recensione sarà comunque pubblicità per il libro. Se davvero volete scriverne, il libro ve lo comprate tirando i soldini, e non pochi, fuori dalle vostre tasche.

Vi capita a volte, data la velocità con la quale li divorate, di pensare di chiedere un mutuo. Ma sapete già che non ve lo darebbero mai, visto che con le recensioni di certo non guadagnate.

Ma cosa volete, siete voi che avete deciso di tenere un blog, no?

Annunci

Tag:, , , , , ,

Categorie: diVagazioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “La Giornata mondiale dei Blogger Letterari”

  1. 24 ottobre 2013 a 19:15 #

    Ahahah, ammetto che per un attimo ho pensato che potesse essere vero xD
    Dopotutto fanno giornate per qualsiasi cosa, il che le sminuisce orrendamente tutte, ma tant’è…
    Qualche tempo fa se ne era discusso un sacco, dell’etica bloggeriana, del se e perché accettare libri gratis, del ‘cosa siamo’ etc. Alla fine non si viene mai a capo di nulla, dietro ogni blog ci sono persone troppo diverse per poter fare un sunto credibile e ognuno ha il suo modo e i suoi limiti.
    Però via, buona giornata (fittizia) dei blogger letterari xD

    • 24 ottobre 2013 a 19:29 #

      Ho cercato di puntare ai problemi “di base”, diciamo. Chiaramente ognuno di noi ha il suo modo di essere, però oggi c’era voglia di riderci addosso, tanto piangerci addosso non serve a nulla. E allora buona giornata a te e a tutti i blogger letterari, ché male non ci fa. 😀

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: