Bibliotech: nasce in Texas una pionieristica biblioteca

Vi è capitato spesso di raccontare ad altri il vostro amore per il profumo della carta dei libri? Appartenete forse allora alla vecchia guardia: siete fieri della vostra libreria personale, guardate le vostre mensole straripanti con infinito amore, gongolate un po’ a rendervi conto che i vostri scaffali e scaffaletti sono oramai perdenti nella missione di accoglienza dei vostri tomi.

I tempi però sono cambiati. E come al solito le mutazioni sono più veloci di noi.

A settembre, in Texas, ha aperto la prima biblioteca di soli libri digitali: Bibliotech. “Bibliotech è la prima biblioteca digitale pubblica del suo genere. L’iscrizione è gratuita per tutti i residenti di Bexar County”, recita il sito. La zona, Bexar County appunto, non è stata scelta a caso, da un lato infatti l’intento è quello di apportare una significativa miglioria ad una zona eccezionalmente popolosa e con una prevalenza di ispanici, dall’altro la presenza massiccia di under 18 (quasi il 30% degli 1,7 milioni di residenti) assicura una maggiore predisposizione nei confronti di una tale novità. Il catalogo dell’innovativa struttura consta di circa diecimila titoli, consultabili e scaricabili online con una app. I libri così immediatamente disponibili per il lettore saranno sul suo e-reader per un certo numero di giorni, evitando in tal modo anche il problema della restituzione dei testi. La socializzazione, tuttavia, non è stata completamente estromessa: vi è comunque una sede fisica, con tanto di personale, e letture per ragazzi, corsi di informatica e incontri di varia natura si svolgono in loco.

I servizi della biblioteca dunque non si limitano alla classica presa in prestito di un tomo, a disposizione degli abitanti della contea vengono messi infatti anche laptop, Pc, tablet e e-reader.

Il primo esperimento del genere, fallimentare, risale al 2002 in Arizona, oggi invece i responsabili si dicono piuttosto fiduciosi circa il successo dell’avveniristica biblioteca.

“Una casa senza libri è come un corpo senz’anima” diceva Cicerone, tuttavia bisogna pur ammettere che il caro antenato non poteva certo nemmeno immaginare le potenzialità degli strumenti elettronici nella circolazione del sapere. Quando la nostra casa non sopporterà proprio più di contenere le tonnellate di carta, uno spazietto per un e-reader dovremmo davvero poterlo trovare.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: diNotizie tascabili

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: