Concorso Letterario Nazionale “Lingua Madre”

Sai com’è quando provi a parlare e non pronunci bene le parole?
Quando dicono di non capirti.
E ti ridono dietro, ma siccome non capisci, ti metti a ridere con loro.
E allora ti chiedono “Ma sei scema a prenderti per i fondelli da sola?”
Devi vivere in un paese che non è il tuo, per capirlo.

Noy Chou, 1984

 

Dare voce a chi non ne ha e spazio per le parole a chi non sa usarle: ecco il cuore del concorso letterario nazionale Lingua Madre, ideato nel 2005 da Daniela Finocchi, giornalista e scrittrice torinese, autrice di reportage e interessata all’espressione del pensiero femminile.

Il Concorso è dedicato alle donne straniere – anche di seconda o terza generazione – residenti in Italia che, servendosi dell’italiano come nuova lingua d’arrivo, intendano narrare le loro storie, la loro doppia discriminazione in quanto donne e in quanto straniere, le loro radici e la spesso faticosa ricerca di un’identità in un paese che non è il paese di origine.

Una sezione speciale è invece rivolta ai racconti di donne italiane che hanno incontrato donne di altre culture e nazionalità e con loro abbiano intessuto un rapporto d’amore e di scambio. “Scambio” è proprio la parola chiave di questo concorso, perché il bando incoraggia la collaborazione fra straniere e italiane nel caso l’uso della lingua italiana scritta presenti delle difficoltà: farsi aiutare nella stesura di una storia, cercando insieme le parole giuste per esprimere sensazioni e sentimenti può creare un’empatia e da qui un legame e, appunto, uno scambio profondo e immediato.
Questo il link al bando del concorso che scade in dicembre: http://concorsolinguamadre.it/bando/

 

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diNotizie tascabili

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “Concorso Letterario Nazionale “Lingua Madre””

  1. 26 febbraio 2014 a 19:36 #

    Trovo questo concorso intelligente e anche pionieristico. Seguirò il link per vederne i risultati, grazie per averlo postato!
    Noto che il post è di ottobre, quindi penso che il processo si sia concluso, no? Comunque darò, appena possibile, un’occhiata… molto interessante!

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: