Vado a scuola, un film sul coraggio dei piccoli

Per la nostra generazione e per le seguenti -diciamo dagli anni ’60 in poi- andare a scuola è stato tutto tranne che un’avventura: spesso una comoda abitudine su quattro ruote, al limite un tragitto insonnolito e svogliato su mezzi pubblici (più o meno comodi).

L’abitudine al comfort ci impedisce di cogliere l’indubbia fortuna di avere una scuola dietro l’angolo o comunque non troppo lontano. Questo film ci porta invece a riconsiderare il tutto con occhi meno viziati dal benessere: in buona parte del mondo il percorso fino ad un edificio scolastico è una vera e propria avventura, irta di ostacoli di ogni genere.

Pascal Plisson in Vado a scuola fa vivere le peripezie quotidiane di bambini determinati a raggiungere un luogo di studio: piccoli uomini, piccole donne che accettano ogni sfida per andare a scuola e così tentare di cambiare “semplicemente” la loro vita, sfuggendo ad un destino di povertà e ignoranza.

Zahira scende con due compagne dalle montagne del Marocco fino a valle attraverso un cammino tortuoso e pieno di rischi, mentre in Kenya  Jackson attraversa la savana –quella con i leoni veri- per trenta chilometri; Samuel, in India, percorre otto chilometri di strade sconnesse sulla sua sedia a rotelle spinto dai suoi due fratellini; Carlito e la sorella minore attraversano le lande della Patagonia per più di venticinque chilometri.

Lo fareste voi? Lo farei io? Da quando ho visto il film mi chiedo quanto del coraggio e della fede di questi bambini avrei al loro posto.

Nonostante racconti una realtà problematica, tuttavia, Vado a scuola resta uno spettacolo: toccante, ricco di avventure e, certo, molto emozionante. Ovviamente ne suggerisco la visione a tutti i ragazzi, ad insegnanti e scolaresche, ma ancor più ai genitori: magari smetteremo almeno un po’ di lamentarci del traffico mattutino quando accompagniamo i nostri figli a pochi metri da casa.

 

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: