Carmela niente

“Mamma, il telefono …il telefono, non lo senti?”

Era iniziata così: uno squillo che aveva attraversato il soggiorno, arrampicandosi con le unghie lungo le pareti, arrivando in cucina a perforarle i timpani. Ma Carmela aveva continuato a risciacquare.

“Mammaaaa! Maaaa’!!!”

Non riusciva a smettere di sfregare i piatti dozzinali. Strofinava, strofinava per togliere l’odore di finto limone, mentre i guanti facevano guaire la porcellana. L’acqua bollente scorreva in un rombo, la gomma cacciava urla di gabbiani impazziti, il telefono squillava, il figlio gridava e Carmela… niente.

“Ue’… sei sorda?”

Forse aveva pensato “magari”. Ma non aveva risposto, l’acqua strepitava, i guanti strillavano. Troppo, troppo.

Era iniziata così: la sera quando Gino aveva ripreso a borbottare sulla cena e la maleducazione dei figli e la destra e la sinistra, non aveva detto nulla. Ascoltava concentrata il rumore e si guardava attorno chiedendosi come mai non se ne accorgesse nessuno. Sono stanca, pensava forse, ma dentro di sé sapeva che qualcosa era successo. E quel qualcosa riguardava Carmela soltanto.

Carmè! La chiamava Gino per chiedere conferma, per avere la sua attenzione, ma Carmela…niente.

Osservava invece con curiosità quella faccia sconosciuta, la bocca muta in movimento continuo, le guance ballonzolanti, i capelli radi: chi era quello, lo aveva mai visto prima? La cascata scrosciava, i gabbiani stridevano… scuotendo la testa, il marito tornò sul divano.

E Carmela?…niente. Andò a letto.

Forse aveva pensato “domani”.

Invece l’indomani era uguale: quella cosa che riguardava lei soltanto stava crescendo, insieme alla perplessità. Alla cascata, ai gabbiani, si aggiungeva a volte un trambusto di alberi scossi che lì, tra i palazzi del quartiere Adriano, non doveva proprio esserci. Perplessità, quindi, e timore. E sollievo, sì, c’era anche del sollievo.

In quel mondo sommerso da un rumore che toccava lei sola, Carmela riusciva ad superare la noia delle faccende quotidiane in leggerezza, senza il peso delle parole che ognuno si sentiva in dovere di vomitarle addosso.  I figli, il marito, la portiera che la tormentava da anni con il racconto minuzioso dei suoi acciacchi, gli strepiti del mercato sotto casa, i televisori e le radio strombettanti pubblicità, tutto scompariva nel brusio sonoro che le sigillava le orecchie.

Nei primi tempi, alcuni sospettarono l’inganno, tentando di sorprenderla con richiami improvvisi e rumori alle spalle. Sembrava impossibile che Carmela d’un tratto, senza dire ai né bai,  fosse diventata sorda come una campana. Ma pian piano tutti si abituarono al suo improvviso stato, passando ai gesti per comunicarle le poche necessità di famiglia o ignorandola, cosa poi non troppo diversa da quello che facevano prima.

E Carmela? …niente.

Carmela, se avesse dovuto dire la sua –cosa che mai ebbe modo di fare- era felice. Quando la tirarono fuori da sotto le ruote dell’autobus che l’aveva travolta, nonostante i ripetuti strombazzamenti e la tardiva frenata, sembrava sorridesse.

 

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: