Del cicchetto della musa, ovvero dello stretto legame tra la letteratura e il vino

…ma per le vie del borgo dal ribollir dei tini va l’aspro odor dei vini l’anime a rallegrar

D’accordo, San Martino è ancora lontano. Ma nonostante l’aria ancora tiepida, le giornate si accorciano e le previsioni fioccano: il 2013 avrà una vendemmia (parola rotonda e succosa come un acino di Malvasia matura) copiosa, di vini freschi e profumati. Almeno così dicono gli esperti, i sacerdoti di Dioniso.

E dalla pianta curata come un infante sacro alle ombre della cantina, come in un rito misterioso, il succo delle vigne intriga e chiama a raccolta i suoi numerosi adepti. Il vino, si sa, è un piacere a diffusione democratica tuttavia, se dovessimo fare un censimento tra gli aficionados, di sicuro noteremmo una folta schiera di scrittori (vivi o morti, poco importa).

Il legame tra vino e letteratura è antico e ricorrente: la forma liquida, il colore inchiostrato, il processo di lavorazione che conserva un’aura sacrale nonostante gli attentati della tecnologia ne fanno uno dei manufatti umani che più si avvicina alla creazione artistica.

A tavola si beve come un toccasana o si degusta come un libro, sfogliandolo piano, pagina dopo pagina. Rotola sulla lingua come una poesia letta a voce alta, riscalda il cuore come un racconto ben scritto. Così affondiamo il naso in un buon libro come in un calice di Barolo, lo centelliniamo come un prezioso Brunello di Montalcino.

Dal bicchiere alla penna (o alla tastiera, in tempi moderni) corre un filo ben saldo, un filo rosso borgogna.  L’ebbrezza spinge alla creazione, apre le ali all’ispirazione poetica sciogliendo l’eloquenza  e spalancando le porte dell’immaginazione.

Anche senza passare per alcolisti, ognuno di noi ha sperimentato almeno una volta il piacevole, talvolta pericoloso, scioglimento di lingua e pensieri dovuto ad un bicchiere di vino. Figuriamoci il risultato se le parole e i pensieri sono quelli di un artista.Il vino porta alla luce i segreti nascosti dell’anima, scriveva Orazio, amante dei piaceri: e da grande poeta quale egli era dobbiamo credergli “sulle parole”.

…In te farò cadere la vegetale mia
ambrosia, raro seme che il gran Seminatore
sparge perché dal nostro amore poesia
nasca e verso Dio salga come un prezioso fiore.

Come nello stralcio finale de L’anima del vino, Baudelaire ha dedicato diversi componimenti, alle virtù consolatrici ed ispiratrici del vino: allo stesso modo, moltissimi altri hanno intinto la piuma nel vino, rivestendo di velluto vinaccio la musa ispiratrice: Poe, Faulkner, Hemingway ma anche Pavese, D’Annunzio e il succitato Carducci… La lista di questi scrittori – come dicevo – è lunga e invitante.

E degustare le loro righe appaga profondamente l’anima.

Posso quindi augurare a voi e a me di aver sete? Accostando libri e vino, beviamo cultura, leggiamo buon vino.

E prosit!

p.s. Pare che “volendo ottener dalle donne quei favori che si desiderano, giova prima il ber vino, ad oggetto di rendersi coraggioso, noncurante, pensar poco alle conseguenze, e se non altro brillare nella compagnia coi vantaggi della disinvoltura …“.

Sia chiaro, io riferisco quel che dice Leopardi, anche se temo che alla fine lui non abbia poi seguito il consiglio.

 

firma FS5bis

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: